auto del futuro

Volete sapere come saranno le auto del futuro? Allora leggete questo articolo. Il Ces 2018 di Las Vegas si è confermato anche quest’anno evento non più soltanto dedicato esclusivamente al tech ma anche al settore dell’automotive. Le case automobilistiche di tutto il mondo hanno colto infatti l’occasione per presentare nuovi modelli e nuovi dispositivi tecnologici da utilizzare sulla propria vettura.

Grande attenzione, anche nell’edizione 2018, è stata dedicata alla guida autonoma e all’intelligenza artificiale, due punti chiave con cui i brand automobilistici devono ormai confrontarsi costantemente.

Auto del futuro: ecco 6 progetti molto interessanti

Ma vediamo nel dettaglio quali sono state le novità nel settore dell’automotive presentate al Ces 2018.

1) Toyota

Partiamo da Toyota, che ha svelato il progetto e-Palette, ossia un minivan elettrico a guida autonoma pensato per il settore della logistica. Non stupirà quindi sapere che tra i partner del progetto ci sono anche Uber e Amazon: e-Palette è stato infatti studiato per migliorare e rendere più efficienti le consegne a domicilio ma anche per fornire servizio navetta e car sharing.

2) Hyundai

Proseguiamo poi con Hyundai, che ha invece presentato la sua quarta generazione di suv a idrogeno, Nexo. Quest’ultimo è soltanto il primo dei diciotto modelli che la casa automobilistica coreana intende mettere in commercio entro il 2025 e vanta la presenza di un motore elettrico da 120 kW, con batteria potenziata a 40 kW che garantisce autonomia superiore ai 600 km e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in appena 9,5 secondi.

Intelligent Personal Cockpit

La struttura del serbatoio, divisa in tre parti, consente di ridurre il tempo di rifornimento a soli cinque minuti. Al Ces 2018, Hyundai ha inoltre presentato un sistema di monitoraggio dell’angolo cieco BVM, che sfrutta la presenza di una videocamera in grado di visualizzare i punti non altrimenti visibili.

3) Nissan

Altro modello elettrico, al Ces 2018, anche per Nissan, che ha esposto la nuova LEAF ma anche un concept – IMx – che si caratterizza per essere un crossover elettrico in grado di garantire autonomia fino a 600 km. Nissan ha inoltre presentato al pubblico accorso a Las Vegas la tecnologia Brain-to-Vehicle (B2V), che consente alle vetture di interpretare i segnali che emette il cervello umano e di assistere così il guidatore mentre il veicolo è in marcia.

B2V dovrebbe in questo modo andare ad incidere sui tempi di reazione del guidatore, rendendo l’esperienza di guida assai più piacevole.

4) Kia

Infine Kia, che per non essere da meno ha annunciato di voler lanciare almeno sedici vetture ecosostenibili entro il 2025 (con motore elettrico o ibrido). Nello specifico, dovrebbe trattarsi di cinque autovetture ibride, cinque autovetture ibride plug-in, cinque elettriche a batteria e una a idrogeno (quest’ultima dovrebbe arrivare nel 2020).

Al Ces 2018 Kia ha mostrato al pubblico un concept del Niro EV, ossia un crossover che si ispira alla Niro ibrida già in commercio. Niro EV garantisce un’autonomia di circa 380 km e dispone del sistema APWS, che utilizza altoparlante e videocamera per segnalare pedoni e ciclisti che si trovano sulla linea di marcia della vettura.

5) Byton

La Byton è un concept, un prototipo. Sarà un SUV a propulsione elettrica e capace di procedere in modo altamente automatizzato. La prima versione opererà al livello 3 di guida autonoma. Byton. Si tratta di un marchio nuovo, appartenente all’azienda cinese Future Mobility, a sua volta parte della Tencent Holdings, uno dei maggiori colossi finanziari della grande nazione asiatica.

Byton

6) Jaguar Land Rover

Durante il recente CES 2018 di Las Vegas, Jaguar Land Rover ha fatto il punto sullo stato delle proprie ricerche in merito a tecnologia e guida autonoma.

Jaguar Land Rover

Nei prossimi anni tutti i modelli del gruppo incorporeranno un’apposita piattaforma di comunicazione, sviluppata dalla Qualcomm Technologies, che sfrutta il sistema 5G di trasmissione dati sulla rete mobile. (per saperne di più cliccate qui)

LEGGI ANCHE:
I migliori gadget tecnologici 2018: ecco i magnifici 16.