Opel Grandland X: come usare Apple CarPlay

Opel Grandland X
Il SUV Opel GrandlandX offre completa compatibilità con gli smartphone. Come usare Apple CarPlay

Vuoi sapere come usare Apple CarPlay su Opel Grandland X? Ecco la risposta.

Sebbene i dispositivi mobili sul mercato usino in larga parte Android (quasi l’87% nel primo trimestre 2019), la fetta di utenti dell’iOS di Apple (13%) resta ragguardevole, perché parliamo un “parco circolante” globale di miliardi di apparecchi.

Come usare Apple CarPlay su Grandland X

Quindi i costruttori di automobili sanno bene che è molto importante offrire la compatibilità dei propri sistemi di bordo anche verso gli iPhone. Il SUV Opel Grandland X naturalmente è predisposto per accogliere anche i dispositivi prodotti dall’azienda di Cupertino, oltre a quelli che usano Android. L’interfaccia è ovviamente Apple CarPlay. Eseguiamo una panoramica sull’utilizzo di tale sistema quando siamo a bordo della nostra Opel.

Opel GRANDLAND X e APPLE CarPlay

Opel Grandland X
Le app di Apple CarPlay nel sistema IntelliLink di Opel Grandland X

Opel Grandland X prevede due sistemi di infotainment differenti a seconda dell’allestimento scelto. Quello base è R 4.0 IntelliLink; il più completo si chiama invece Navi 5.0 IntelliLink. Per quanto riguarda l’utilizzo di Apple CarPlay, differiscono solo nel pulsante per attivare inizialmente la funzione. Su R 4.0 si deve selezionare dal display dell’auto la voce “impostazioni” e selezionare la casella di CarPlay. su Navi 5.0 si deve premere il pulsante “app” posto sulla plancia sotto al display, sulla destra tra il pulsante “set” e quello col simbolo dell’auto. Da questo punto in poi, il funzionamento è uguale per entrambi i sistemi. Sull’iPhone (versione iOS da 5 in poi) deve essere attivo Siri. Ora si deve collegare il telefono all’auto tramite il cavo USB. Tutto fatto. Sul display dell’auto ora appariranno le icone delle app installate sull’iPhone compatibili con Apple CarPlay.

Attivazione del controllo vocale

Per attivare il controllo vocale delle funzioni telefoniche, quindi interfacciandosi con Siri, si deve tenere premuto per qualche secondo l’apposito pulsante sul volante; la semplice pressione breve invece attiverà l’interfaccia telefonica nativa della vettura. Naturalmente sarà possibile impartire comandi anche toccando il display touch della Grandland X. In ogni momento è possibile tornare all’infotainment dell’auto premendo il tasto home. Lo stesso tasto va tenuto premuto per qualche decimo di secondo per passare invece nuovamente da IntelliLink a CarPlay.

Le app compatibili

Sono parecchie le app iOS compatibili con CarPlay; va da sè che si tratta delle applicazioni compatibili anche con la guida del veicolo, quindi solo quelle che non provocano potenziali distrazioni pericolose. Al primo posto tra le app gettonate dagli utenti di CarPlay c’è Mappe di Apple, ma anche Google Maps e Waze. Siri gestisce oltre alle telefonate anche la messaggistica, leggendo i messaggi in arrivo e componendo la risposta tramite dettatura. Per quanto riguarda le app musicali, si può ascoltare la propria libreria iTunes o quella di Apple Music. Ce ne sono parecchie altre. Google Play Music, Tidal, Podcast, Audiolibri, WhatsApp, Spotify, Stitcher, Overcast, Audiobooks.com, Audible, Vox, NPR One, Clammr, Downcast, Amazon. (visita il sito ufficiale)

In collaborazione con Opel Italia

Post correlati

40 anni opel corsa

Opel Corsa: una storia italiana lunga 40 anni

“Opel Corsa è la piccola della Opel” recitava la campagna pubblicitaria con cui quando, 40 anni fa, nell’Autunno 1982, la prima generazione di Opel Corsa fu lanciata il Italia, debuttando in un segmento di mercato che negli anni seguenti avrebbe avuto un ruolo primario. In realtà però tanto “piccola” quella prima Opel Corsa non doveva

Leggi tutto
Airbag di Opel full size

Airbag di Opel, il full-size compie 30 anni

L’airbag di Opel compie 30 anni. Era infatti il 1992 quando il brand tedesco proponeva un inedito airbag della capacità di 67 litri, ovvero circa il doppio di quella del contemporaneo Eurobag, che proprio per questo suo grande volume d’impatto era in grado di proteggere il guidatore anche in caso di collisioni laterali. In queste

Leggi tutto