Tesla Model X

La Tesla Model X è il primo SUV premium completamente elettrico ad essere entrato sul mercato. Anzi, si può dire che lo abbia creato. La Tesla Model X condivide le caratteristiche primarie degli altri modelli prodotti dalla giovane casa californiana creata da Elon Musk; quindi, design accattivante, interni lussuosi, dimensioni importanti, prestazioni di alto livello, batterie consistenti e un livello tecnologico generale molto avanzato.

Tesla Model X con Silvio De Rossi

Tesla Model X con Silvio De Rossi

Tesla Model X: il design

Cominciamo come sempre dal design. Mai come in questo caso la funzione indirizza la forma. Perché, essendo questa un’auto a propulsione elettrica, cambiano molti dei parametri stilistici a cui siamo abituati da quasi un secolo e mezzo di storia automobilistica. Poiché i motori elettrici hanno un irrilevante ingombro verticale, all’anteriore sparisce la consueta griglia centrale, perché non esiste “radiatore” nel senso ordinario. Naturalmente anche le auto elettriche necessitano di raffreddamento, in particolare le batterie. Però essendo quasi tutto collocato molto in basso, ecco che restano solo le prese d’aria in corrispondenza del paraurti.

Anche il “cofano motore” non è più tale. Infatti, poiché il motore è collocato molto in basso (e, tra l’altro, richiede una manutenzione molto limitata, non avendo di per sé organi meccanici in movimento), resta spazio per un bagagliaio anche davanti. Il cofano è molto arcuato. La sottile “calandra” ripropone e allo stesso tempo contiene il logo della T stilizzata.

La forma della fiancata è abbastanza slanciata e le linee sono molto morbide. Il look non è imponente, sebbene invece le dimensioni siano generose: infatti la lunghezza è di 5.037 mm, mentre il passo misura 2.965 mm; la larghezza senza specchietti di 2.070 mm, l’altezza da terra variabile da 137 a 211 mm e l’altezza totale di 1.680 mm completano il quadro delle misure.

Falcon Wing

Da un punto di vista stilistico si notano immediatamente le portiere diverse. Infatti l’apertura è verticale, denominata “Falcon Wing”. Il motivo non è solo estetico; l’intento è anche quello di facilitare l’accesso alla terza fila di sedili. Queste portiere sono controllate da un sofisticato sistema elettronico che regola automaticamente l’apertura in base allo spazio circostante disponibile.

L’abitacolo della Model X può essere configurato a cinque, sei o sette posti. I sedili della seconda e terza fila si possono interamente ripiegare quando non utilizzati. In tal modo lo spazio di carico diventa decisamente abbondante: nella versione a sei posti arriva fino a 2.180 litri, a cinque il volume sale a 2.492 litri. Infine la vista dalla coda è quella dove si nota la maggiore eleganza, senza però cedere in sportività.

Due motori elettrici

Per quanto riguarda il powertrain, la Model X monta due motori elettrici, uno per asse, in modo da formare la trazione integrale. Le configurazioni di potenza dipendono dalla capacità delle batterie installate. Il modello di partenza, la 75D, ha appunto una capacità di 75 kWh. La potenza massima è di 386 kW, pari a 525 cavalli, coppia motrice 660 Newton metri (sempre disponibile). Accelerazione 0-100 in 5,2 secondi, velocità massima 210 Km/h. I dati dichiarati sull’autonomia, calcolata ad una velocità costante di 105 Km/h, dicono che si possono percorrere con una carica fino a 417 Km.

Il modello intermedio, la 100D, ha una batteria da 100 kWh. Potenza invariata, accelerazione in 4,9 secondi e velocità massima 250 Km/h. L’autonomia sale a 565 Km. Infine abbiamo la P100D. Stessa batteria ma qui c’è la funzione “Ludicrous Speed”. E’ un omaggio diretto alla “Velocità smodata” del mitico film “Spaceballs” (Balle spaziali) di Mel Brooks, di cui Musk è fan. La potenza sale alla cifra stratosferica di 568 kW/772 cavalli, coppia 980 Nm. La velocità massima è sempre elettronicamente limitata a 250 Km/h e l’accelerazione “normale” avviene in 3,1 secondi (il peso è pur sempre di 2.487 Kg). Ma quando si attiva la Ludicrous, per brevi tratti l’accelerazione 0-100 scende alla paurosa cifra di 1,4 secondi, un valore da Formula 1. L’autonomia, sempre misurata a 105 Km/h, arriva a 542 Km.

La propria rete di ricarica pubblica

Un altro fattore molto importante: la Tesla ha una propria rete di ricarica pubblica (pubblica per i clienti, ovviamente), anche in Italia, costituita dalle colonnine speciale note come Supercharger. Il lusso e la tecnologia sofisticata si pagano: d’altra parte, Tesla produce supercar. I prezzi di listino della Model X nel nostro Paese, chiavi in mano, sono di 94.480, 114.530 e 160.931 euro. (Tutte le info sul sito ufficiale)

[Photo by Stylology.it with Silvio De Rossi]

LEGGI ANCHE: Elon Musk: il Signor Tesla ci porterà su Marte.