Elon Musk: il Signor Tesla ci porterà su Marte

Elon Musk Tesla
Ecco chi è Elon Musk: quarantacinquenne imprenditore sudafricano impiantato negli Stati Uniti, sembra trasformare in oro tutto quanto tocca.

Elon Musk è l’uomo che ci porterà tutti su Marte, o almeno questo è quello che lui ama spesso affermare. Portare tutta l’umanità su Marte sarebbe l’unico modo per salvarla, e forse anche per questo si è buttato a capo fitto nel settore dei viaggi spaziali con SpaceX. Ma Elon Musk, quarantacinquenne imprenditore sudafricano impiantato negli Stati Uniti, sembra trasformare in oro tutto quanto tocca, e se vi è sembrato folle soltanto per il fatto che voglia condurci tutto sul Pianeta Rosso, sappiate che non siete affatto lontani dalla verità.

Elon Musk: un patrimonio di 12 miliardi di dollari

Elon Musk è in realtà piuttosto “folle” (ma non era stato Steve Jobs a dire “Siate affamati, siate folli”?!) ma proprio grazie a quella sua follia lungimirante è riuscito a diventare uno degli uomini più ricchi del mondo – con un patrimonio netto stimato attorno ai dodici miliardi di dollari – e a diventarlo in giovanissima età.

Che sia capace di fare il suo mestiere pare piuttosto evidente: nessuno dei settori in cui si è avventurato è stato un flop per lui. Elon Musk ha inventato PayPal – il sistema di pagamenti online più utilizzato al mondo -, produce e vende auto elettriche di lusso con la Tesla Motors, si occupa anche di pannelli solari e di viaggi spaziali (con la società SpaceX).

LEGGI ANCHE: Tesla Model 3: ecco l’auto che cambierà il mondo.

A leggere il curriculum di Mister Elon Musk sembra quasi che il successo e la ricchezza siano davvero obbiettivi molto semplici ed immediati da raggiungere ma in realtà, dietro questa sua straordinaria scalata, ci sono tantissima dedizione per il proprio lavoro – forse anche eccessiva -, grandissime capacità, coraggio, voglia di rischiare, grandi standard qualitativi richiesti anche ai dipendenti e quel briciolo – e forse anche più di un briciolo – di sana follia e di fortuna che non guastano affatto. Non a caso si narra che Elon Musk sia il classico capo che nessun dipendente vorrebbe mai avere nel corso della propria carriera: rompiscatole, pretenzioso (turni massacranti), pignolo, pronto a licenziare in tronco chi si permette di scrivere anche soltanto una mail con refusi. Un perfezionista in tutto e per tutto insomma.

Si narra anche che Elon Musk abbia sviluppato davvero in giovanissima età il fiuto per gli affari e per l’imprenditoria. A soli dodici anni, ad esempio, è riuscito a vendere il suo primo videogame per cinquecento dollari. E da allora ne ha fatta di strada: con alle spalle studi di economia, fisica applicata e scienza dei materiali ha poi proseguito nella costruzione del suo impero, partendo da PayPal e arrivando fino a SpaceX.

Elon Musk si può definire certamente un sognatore, anche un po’ eccentrico, ma fino a questo momento i successi conseguiti hanno dimostrato che sì, aveva ragione lui. Forse la chiave del successo è davvero nelle sue mani e in futuro potrebbe ritagliarsi un posto nella storia proprio grazie alla faccenda dei viaggi nello spazio.

[Photo composite by Stylology.it]

Post correlati

Twitter 2015

Mastodon: come funziona l’alternativa a Twitter

Ecco la soluzione per tutti quegli utenti Twitter che stanno pensando di lasciare il social dopo l’ entrata in campo di Elon Musk. Con l’ annuncio dell’ acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk e dei suoi  possibili cambiamenti nelle  attuali regole di gestione del servizio, sono cominciati parecchi “abbandoni” e la conseguente nascita di servizi

Leggi tutto
Twitter Logo by Silvio De Rossi

Tasto modifica su Twitter: ecco la grande novità

Sta arrivando il tasto modifica su Twitter. Si profila all’orizzonte l’arrivo del tanto agognato tasto di modifica sui tweet pubblicati. Merito dell’acquisto da parte di Elon Musk? Tutto è possibile. Questa infatti sembrerebbe poter essere la prima memorabile evoluzione che verrà introdotta sulla piattaforma da Elon Musk, l’ imprenditore di origine sudafricana già azionista di

Leggi tutto

Classifica dei brand più odiati: la tecnologia trionfa

Finire nella classifica dei brand più odiati al mondo non deve essere piacevole ma il sito RAVE Reviews ha deciso di pubblicarne proprio una sulle sue pagine. Le classifiche finali, una per ciascuna categoria di appartenenza del brand, sono state ottenute grazie all’analisi di milioni di tweet pubblicati dagli utenti. Certo, basarsi solo su quanto

Leggi tutto

Iscriviti alla Newsletter