Lockdown del 5 novembre, come sono cambiati gli spostamenti degli italiani

lockdown del 5 novembre spostamenti italiani

Come sono cambiati gli spostamenti degli italiani dopo il lockdown del 5 novembre a causa del COVID-19? Potrebbe essere banale pensarlo in virtù delle restrizioni a numerose attività, per lo più ludiche, imposte dal governo. Ma i dati forniti da Google fruttando Google Maps, che utilizza dati aggregati e anonimi per mostrare quanto sono affollati determinati luoghi, sono estremamente interessanti.

Nel rispondere alla pandemia di COVID-19 in ogni parte del mondo, è cresciuta sempre di più l’attenzione verso le strategie di salute pubblica, come le misure di distanziamento sociale, al fine di rallentare la velocità di trasmissione o programmare la riapertura nelle aree soggette a restrizioni sugli spostamenti.

E gli spostamenti per retail e tempo libero, i quali comprendono ristoranti, bar, centri commerciali, parchi a tema, musei, biblioteche e cinema, mutano in maniera sinergica. Il report, che analizza i dati in tempo reale, viene aggiornato periodicamente. I risultati che vi proponiamo sono aggiornati all’8 novembre e vengono calcolati usando lo stesso tipo di dati che il colosso di Mountain View utilizza per mostrare gli orari di punta per luoghi e negozi su Google Maps. Ecco cosa accade dopo il lockdown del 5 novembre in Italia.

Retail e tempo libero: le tendenze degli spostamenti relative a luoghi quali ristoranti, bar, centri commerciali, parchi a tema, musei, biblioteche e cinema è diminuito del 53%.

Alimentari e farmacie: le tendenze degli spostamenti relative a luoghi quali supermercati, magazzini per prodotti alimentari, mercati agricoli, negozi di specialità gastronomiche, parafarmacie e farmacie è diminuito del 36%

Parchi: le tendenze degli spostamenti relative a luoghi quali parchi nazionali, spiagge pubbliche, porticcioli, aree cani, piazze e giardini pubblici è diminuito solo del 9%.

Stazioni trasporto pubblico: le tendenze degli spostamenti relative a luoghi quali hub del trasporto pubblico, ad esempio stazioni ferroviarie, della metropolitana e degli autobus sono diminuite del 46%.

Luoghi di lavoro: le tendenze degli spostamenti relative ai luoghi di lavoro è diminuito del 25%.

Zone residenziali: le tendenze degli spostamenti relative a luoghi residenziali è aumentato del 12%.

Inutile dire quanto i segni meno più evidenti riguardo gli spostamenti dopo il lockdown del 5 novembre siano quelli delle regioni con zone rosse. Per quanto riguarda Retail e Tempo libero, sia Lombardia che Piemonte registrano un -79% e per il trasporto pubblico tra il -67% del Piemonte e il -70% della Lombardia. Altissimo il dato della Val d’Aosta che sia per il Tempo Libero e e per il Trasporto Pubblico segna addirittura un -80%. E sempre per Lombardia e Piemonte, il dato che vede gli spostamenti più alti verso le zone residenziali con un + 19%.

Un dettaglio curioso arriva invece dall’Umbria che pur essendo stata zona gialla (ricordiamo i dati sono aggiornati all’8 novembre) ha visto un calo del 78% negli spostamenti verso alimentari e farmacie. Mentre vanno in controtendenza Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Molise che nella tendenza degli spostamenti nei Parchi sfondano la soglia del +40%.

Post correlati

Quando farò il vaccino? si può sapere tramite un portale online

Domanda ricorrente di questi tempi. Quando farò il vaccino?  E’ l’incognita su cui tutti vorrebbero avere lumi. Messo e concesso che il vaccino anti Covid non è obbligatorio, sono tanti gli italiani con l’apprensione dell’atteso giorno in cui potranno scacciare via un incubo della nostra quotidianità. Il coronavirus. Per rispondere a questa domanda ci può

Leggi tutto