Opel Grandland X: ecco cos’è Connect

Opel Grandland X
Opel Connect è il nuovo sistema per chiamate d'emergenza e molto altro. Scopriamolo sul SUV Opel Grandland X

Un  importante servizio di connettività disponibile per il SUV Opel Grandland X è Opel Connect. Esso sostituisce il precedente Opel OnStar (i cui servizi cesseranno il 31 dicembre 2020). La sua attivazione è cominciata a maggio 2019 su Grandland X, Crossland X, Combo, Vivaro e Zafira Life; è in corso di estensione sugli altri modelli della casa tedesca. Le prime funzionalità attive sono la chiamata d’emergenza e la richiesta di assistenza stradale. Ad ottobre verranno affiancate da altri servizi quali navigazione connessa e diagnostica veicolo; previsti successivamente anche servizi di assistenza in caso di furto, accesso remoto all’auto, compatibilità smartphone Apple CarPlay e Android Auto e gestione flotte.

Opel Connect: la chiamata d’emergenza

Opel Grandland X
Il pulsante rosso SOS attiva la chiamata d’ermergenza, automatica in caso d’incidente

Tutto ruota intorno ad una SIM card installata a bordo del veicolo. Il servizio principale è quello della chiamata d’emergenza. Tale funzione, chiamata anche col termine generico di Ecall, è obbligatoria su tutti i veicoli omologati nell’Unione europea dal 31 marzo 2018. In caso d’incidente di una certa gravità, inteso come urto che fa gonfiare gli airbag e attivare il pretensionatore delle cinture di sicurezza, la centralina invia automaticamente una chiamata al numero d’emergenza 112, il servizio è attivo in tutte le nazioni Ue oltre a Svizzera, Norvegia, Liechtenstein e Islanda.

Il messaggio preregistrato contiene informazioni fondamentali per l’invio di soccorsi, come le coordinate precise del luogo in cui si trova il veicolo e altri dati sullo stato del mezzo; altro dato importante inviato dal sistema è il numero di persone a bordo, ricavato dai sensori di allacciamento delle cinture. L’operatore della centrale (definita internazionalmente PSAP, cioè Public Safety Answering Point, punto di risposta pubblica sicurezza) tenta di parlare con gli occupanti del veicolo incidentato; se anche questi non fossero in grado di rispondere, o se non si riuscisse a stabilire una comunicazione a causa della differenza di lingua (l’operatore risponde nella lingua locale), la centrale potrà in ogni caso inviare i soccorsi, proprio grazie alle informazioni automatiche trasmesse dal sistema di bordo.

La chiamata d’emergenza è attivabile anche manualmente, premendo un apposito tasto rosso, sul quale è apposta la sigla SOS. Su Opel Grandland X e gli altri modelli della casa esso è collocato sopra lo specchietto retrovisore interno. Il pulsante va tenuto premuto per qualche secondo. La chiamata è gratuita e avviene tramite la SIM di bordo, non è necessario associare un telefono cellulare. E’ importante sottolineare che tale servizio va usato esclusivamente per le situazioni d’emergenza, quindi incidenti, emergenze mediche o situazioni di pericolo di vita. L’utilizzo del tasto rosso per altri scopi è considerato un abuso e può essere punito. La chiamata d’emergenza può essere attivata manualmente anche se il motore dell’auto è spento. Invece la chiamata automatica, poiché è legata all’attivazione di airbag e pretensionatori, parte solo a motore acceso. Se la chiamata non va a buon fine, il sistema richiama automaticamente.

Opel Connect: richiesta soccorso stradale

Opel Grandland X

Il sistema Opel Connect comprende, come detto, anche il servizio di richiesta d’assistenza con soccorso stradale. Esso si attiva solo manualmente, premendo il tasto nero che si trova accanto a quello rosso delle emergenze. Viene avviata una chiamata vocale, ma contemporaneamente il dispositivo trasmette (via messaggio SMS) gli stessi dati previsti per l’emergenza, quindi posizione esatta e stato del veicolo. Quindi il conducente potrà spiegare all’operatore la natura del problema e la centrale sarà in grado d’inviare personale qualificato per risolverlo o rimuovere il veicolo guasto. La chiamata tramite tasto nero si può effettuare in tutti i casi di malfunzionamento del veicolo (compresi il guasto della batteria e la rottura della chiave) e danni in seguito ad incidente. Non vengono invece considerati guasti, quindi non si deve utilizzare il servizio con tasto nero, i seguenti casi: richiami di prodotto, controlli di routine o altri controlli di assistenza, ispezioni, istallazioni di accessori, furto, incendio, rottura dei vetri, perdita delle chiavi, chiusura delle portiere mentre si è all’esterno, carburante sbagliato, mancanza di carburante, mancanza di AdBlue e problemi al rimorchio. (visita il sito ufficiale)

Guarda lo Speciale DERO with OPEL

in collaborazione con Opel Italia

Post correlati

40 anni opel corsa

Opel Corsa: una storia italiana lunga 40 anni

“Opel Corsa è la piccola della Opel” recitava la campagna pubblicitaria con cui quando, 40 anni fa, nell’Autunno 1982, la prima generazione di Opel Corsa fu lanciata il Italia, debuttando in un segmento di mercato che negli anni seguenti avrebbe avuto un ruolo primario. In realtà però tanto “piccola” quella prima Opel Corsa non doveva

Leggi tutto
Airbag di Opel full size

Airbag di Opel, il full-size compie 30 anni

L’airbag di Opel compie 30 anni. Era infatti il 1992 quando il brand tedesco proponeva un inedito airbag della capacità di 67 litri, ovvero circa il doppio di quella del contemporaneo Eurobag, che proprio per questo suo grande volume d’impatto era in grado di proteggere il guidatore anche in caso di collisioni laterali. In queste

Leggi tutto
Opel-Corsa-Spider

Opel Corsa Spider: la cabriolet che anticipò l’iconica utilitaria

In attesa che la prima generazione di Opel Corsa facesse la sua apparizione sulla ribalta internazionale, quaranta anni fa, al Salone di Ginevra del marzo 1982 la casa tedesca presento la Opel Corsa Spider, uno studio stilistico di una piccola cabriolet con carrozzeria in fibra di vetro equipaggiata con la meccanica della Opel Kadett 1.000

Leggi tutto