City of Tomorrow

Il Salone di Detroit ci ha regalato una bella vista sul futuro. Neanche troppo lontano. Merita menzione la Ford Motor Company, che come spesso accade dimostra di avere una visione innovativa con la sua City of Tomorrow. Infatti oltre allo sviluppo dei nuovi veicoli, Ford sta collaborando con le più importanti città del mondo per sviluppare soluzioni innovative ai problemi legati alla congestione del traffico e aiutare le persone affinché possano spostarsi agevolmente, oggi e nel prossimo futuro.

Ford Detroit 2017

Team Ford City Solutions

Il Team Ford City Solutions, l’unico del genere nel settore, lavorerà a stretto contatto con le realtà amministrative locali, proponendo soluzioni innovative e su misura per ogni comunità. In diverse città globali le discussioni sono già in corso, come, ad esempio, quella con Bloomberg Philanthropies e la sua associazione globale di sindaci.

“Questo è un problema che va ben oltre la congestione dovuta al traffico. Rappresenta una sfida enorme per l’umanità ed è in grado di colpire il nostro benessere, l’accesso alle cure mediche, all’acqua potabile e al cibo, la possibilità di vivere in un luogo sicuro e di trovare un lavoro – ha commentato Bill Ford, Executive Chairman di Ford Motor Company – Risolvendo il problema della mobilità, doniamo un mondo migliore alle generazioni future. Si tratta di una straordinaria opportunità e al contempo di una grande responsabilità”.

Ford Detroit 2017

City of Tomorrow by Ford

Ford ha presentato la sua vision sulle realtà urbane del futuro: “City of Tomorrow” esamina come i progressi della mobilità a breve raggio, inclusi i veicoli autonomi e i veicoli elettrici, i veicoli connessi, il ride-sharing e i servizi di shuttle on-demand, siano in grado di interagire con le infrastrutture urbane e creare un ecosistema di trasporto.

Ad esempio, Ford sta immaginando un mondo in cui le strade siano riconfigurabili in maniera fluida in funzione delle esigenze dei pendolari e dei flussi di traffico. Bike e droni saranno in grado di fornire soluzioni all’avanguardia per il trasporto di persone e merci nell’ultimo miglio.

Il futuro: visione a breve termine in 3 punti

Entro i prossimi 5 anni, Ford si aspetta l’introduzione dei veicoli autonomi nelle città di tutto il mondo. Questo processo include l’inserimento dei primi veicoli completamente autonomi di Ford, nel 2021.

Allo stesso tempo, l’Ovale Blu prevede una crescita continua della gamma dei veicoli elettrici, che entro i prossimi 15 anni potrà superare l’offerta dei modelli alimentati a carburanti fossili.

Anche le modalità di trasporto condiviso continueranno a diffondersi in maniera crescente, come, ad esempio, Chariot che offre un servizio navetta su base collettiva, acquisita da Ford con l’obiettivo di diffondere il servizio di shuttle dinamico a livello globale. Chariot, che attualmente opera a San Francisco e Austin, Texas, è in rapida crescita, e le sue attività raggiungeranno altre 8 città quest’anno, di cui una al di fuori degli USA.

I 3 punti chiave

  • I veicoli saranno in grado di connettersi con altri veicoli e con i sistemi operativi di gestione della mobilità delle città. Ford, da sola, equipaggerà con modem integrati oltre 20 milioni di auto a livello globale nei prossimi 5 anni.
  • La diffusione dei veicoli connessi nelle realtà metropolitane di tutto il mondo apporterà mutamenti alle città stesse. Tra le possibili innovazioni su larga scala, la ricarica wireless e sistemi di connettività avanzata.
  • Questi cambiamenti potrebbero condurre a una nuova generazione di sistemi operativi di gestione della mobilità urbana, in grado di controllare centralmente molteplici aspetti delle infrastrutture di trasporto, inclusi il flusso del traffico e le emissioni dei veicoli

City of Tomorrow

Il futuro: visione a lungo termine in 4 punti

Guardando oltre, Ford immagina le città del domani con concentrazioni significative di veicoli autonomi, la maggior parte dei quali saranno alimentati elettricamente.

Il trasporto di massa migliorerà per le metropoli più grandi grazie all’introduzione di tecnologie innovative, come il trasporto pubblico ad alta velocità.

I 4 punti chiave

  • I droni avranno un ruolo di rilievo su diversi fronti; ad esempio, potrebbero essere rapidamente implementati per rilevare e mappare le zone più colpite dopo terremoti, tsunami o altre calamità naturali.
  • I sistemi operativi avanzati di gestione della mobilità urbana potranno integrare perfettamente i dati provenienti da tutti gli elementi dell’ecosistema, inclusi i veicoli, le biciclette, i droni e i mezzi di trasporto di massa, così come anche i lampioni, i parchimetri e le infrastrutture di ricarica.
  • Le tecnologie avanzate saranno implementate su larga scala per la gestione più fluida del traffico connessa ai veicoli autonomi, eliminando gli ingorghi, riducendo le emissioni e minimizzando gli incidenti stradali, fino ad annullarli.
  • Lo spazio stradale sarà riconvertito in spazi verdi e parchi, consentendo una migliore qualità della vita per le comunità cittadine.

“Per oltre 100 anni Ford è stata un punto di riferimento per la comunità e un attore di fiducia per la mobilità automobilistica – ha commentato Mark Fields, President e CEO di Ford – Adesso, desideriamo lavorare con le comunità per offrire maggiori scelte di trasporto e soluzioni innovative per le persone, per i decenni a venire”.

[Photo by Silvio De Rossi – Stylology.it]

LEGGI ANCHE: Torna il Ford Bronco: fu reso famoso da O.J. Simpson.