San Valentino: Ford Italia conquista Twitter (e non solo)

Oggi mi sembra giusto sottolineare la bravura di Ford Italia, che a San Valentino ha conquistato il web con una splendida operazione su Twitter. Forse la più bella di sempre, per quanto riguarda il panorama italiano. Il #SanValentino di Ford Italia, questo 14 febbraio 2015 ha spiazzato tutti, facendo gli auguri a parecchi brand concorrenti. Un tweet ironico e un’immagine divertente per ogni brand. Tanta creatività e puro coraggio, che raramente si vede nelle campagne web italiane sempre troppo rigide e impostate. Ford non è l’unica a muoversi in maniera corretta su internet, ma questo progetto a metà tra il social media marketing e il real time marketing merita sicuramente qualche riga di approfondimento.

La vignetta meglio riuscita è sicuramente quella dedicata alla Alfa Romeo prendendo spunto dalla mitica Giulietta (con chiaro riferimento alla storia d’amore tra Romeo e Giulietta). Infatti qui si contano il numero più alto di tweet e stelline, ma non sono da meno le altre.

Puro Real Time Marketing

L’idea ha conquistato tutti. I brand hanno replicato divertiti (Alfa Romeo, Land Rover, Citroen, Fiat…) innescando una comunicazione virale davvero interessante. Seat, non citata, ha preso la palla al balzo per dirsi “offesa” di non essere stata invitata. E Ford Italia ha subito risposto creando una vignetta ad hoc in pochi minuti. L’idea originale ha acceso la creatività di tutti i brand coinvolti creando connessioni pubblicitarie che in Italia suonerebbero come pura follia sui tavoli di tantissime agenzie. Una data importante per il web nostrano, forse fa sorridere dirlo, ma così è.

Giusto per dare qualche nozione utile vi segnalo che il Real Time Marketing prevede tre possibili sviluppi: 1) Eventi pianificati da sfruttare proattivamente. 2) Eventi programmati che generano risposte reattive. 3) Eventi non programmati che richiedono risposte immediate. [Meritano lettura – cliccate qui – i post di Vincos in merito al Real Time Marketing]

Cosa ha fatto Ford Italia

Il caso San Valentino Ford è decisamente trasversale. Infatti Ford ha sfruttato un evento pianificato e programmato come San Valentino per ottenere engagement proattivo da parte degli utenti e risposte reattive che sono arrivate anche dai brand coinvolti. A chiudere il cerchio le risposte immediate di Ford nel corso della giornata (splendido il botta e risposta con Seat, che non era stata “invitata” per cena da Ford). [Segnalo anche questo post di Alessandro Prunesti sul Real Time Marketing]

Un’operazione che ha permesso a tutti di farsi una bella risata sul web, il posto giusto (lo dico sempre) per sperimentare costantemente. Un bel antipasto in vista del Salone di Ginevra che regalerà grandi sorprese e anteprime agli amanti dei motori.

Devo inoltre sottolineare che l’ovale blu si muove da anni con grande attenzione nel mondo 2.0. Nel 2008 Elena Cortesi, allora Direttore comunicazione di Ford Italia e oggi Corporate communications Manager di Ford Motor Company parlò serenamente con un gruppo di blogger in un locale di Milano della nuova Ford Fiesta. La intervistai per Blogosfere con Qik (qualcuno lo usa ancora?) direttamente dal mio smartphone (il video è su YouTube) senza che facesse una piega. Ripeto, era il 2008 e molti brand di qualsiasi settore neanche osavano avvicinarsi alla blogosfera. Il percorso ha portato Ford (e in questo caso parlo a livello global) a capire non solo i blogger, ma soprattutto il giusto linguaggio da utilizzare sui social network. Se fai una cosa da tanto tempo e ci credi veramente… il gioco è fatto.

Insomma, Ford Italia ha azzeccato la giusta strategia per San Valentino. E quando la strategia è vincente arrivano i frutti: infatti tante testate (Repubblica.it per esempio) hanno riportato le vignette dando ulteriore eco all’iniziativa. Una buona idea è diventata un perfetto ibrido tra messaggio virale (legato a un evento calendarizzato come San Valentino), comunicazione vincente con i social users e pubblicità positiva. Una case history da tenere nel cassetto e mostrare ai giovani che si affacciano su internet e a tutti quelli che usano il web solo come appendice della tv. Tv e web sono due mondi diversi. La strada è questa. Percorretela.

[Photo NAIAS 2015 by Silvio De Rossi]