Larry Page: da un garage uscì Google

Larry Page PopArt
Chi è veramente Larry Page, uno dei padri di Google? Ecco la vita di una delle persone che ha decisamente cambiato il mondo chiudendosi in un garage.

Lawrence “Larry” Page nasce a East Lansing (Michigan) il 26 marzo 1973. Con Sergey Brin è il fondatore di Google. Il padre, Carl Vincent Page, è stato uno dei primi laureandi (in informatica) presso l’Università del Michigan, diventandone presto uno dei suoi luminari; Gloria Page, madre di Larry, anch’essa insegnante di informatica, ha lavorato invece al Lyman Briggs College (vicino alla facoltà).

Famiglia da predestinato quella di Larry Page, che ha raccontato in una futura intervista, di aver vissuto un’infanzia tra computer e riviste di scienza: all’età di sei anni utilizzava già i primi personal computer dei genitori, ed è stato il primo bambino della sua classe a svolgere un incarico attraverso essi.

Dopo aver frequentato l’Okemos Montessori School, nel 1991 Page si laurea in scienze informatiche presso l’università che aveva precedentemente unito i suoi genitori, conseguendo (tra l’altro) un Bachelor con il massimo dei voti.

Larry Page si trasferisce successivamente a Stanford, per guadagnarsi un dottorato all’omonima università: qui conosce Sergey Brin, suo compagno di stanza e prossimo co-fondatore di Google, con cui inizia a collaborare (su richiesta dell’istituto) per la realizzazione di un algoritmo.

Dopo aver compreso il grande potenziale in mano, decide insieme a Sergey di affittare un garage, abbandonare gli studi e “gettarsi in mare aperto” con Google, acque che si riveleranno piene di pesci e prive di squali.

Larry Page e la Filantropia

Miliardario co-fondatore di Google, ma anche genio degli investimenti impegnato nel miglioramento del pianeta e delle diverse condizioni di vita lavorative: investe insieme a Brin in Tesla Motors e sulle energie rinnovabili, è interessato agli effetti socio-economici dei sistemi avanzati e su come le tecnologie digitali possano essere utilizzate per provvedere ai bisogni delle persone pur mantenendo un basso contrasto tra progresso e disoccupazione.

Nel mese di novembre 2014, la fondazione Carl Victor Page Memorial Fund ha contribuito a combattere l’epidemia di ebola in Africa occidentale grazie ad una donazione di 15 milioni di dollari.

Larry Page e la vita privata

Larry Page è legato sentimentalmente con Lucinda Southworth, ricercatrice e sorella della showgirl Carrie Southworth: nel 2007, hanno contratto il loro matrimonio a Necker Island, paradiso caraibico di proprietà di Richard Branson. La coppia ha inoltre dato alla luce due figli, nati rispettivamente nel 2009 e 2011.

Nel maggio del 2013, Larry Page ha dichiarato (attraverso il suo profilo Google+) di essere affetto da gravi problemi alle corde vocali fin dalla tenerà età di 14 anni. Il post di Page ha inoltre rivelato che esso aveva donato una notevole somma di denaro per un programma di ricerca correlato alla sua malattia; nell’ottobre dello stesso anno, Business Insider ha riferito a Page che il suo malessere è causato dalla tiroidite di Hashimoto.

[Photo by G+ – Composite by Stylology.it]

Post correlati

migliori marchi al mondo del 2020

I migliori marchi al mondo: la classifica dei primi 100 nel 2020

Come ogni anno Interbrand stila la classifica dei migliori marchi al mondo.  E nel 2020 la graduatoria, il Best Global Brands, regala una fotografia del mondo produttivo alle prese con il coronavirus. La classifica viene stilata prendendo in considerazione il valore e il ritorno economico più elevato. Non si tratta quindi di una panoramica dei

Leggi tutto
lockdown del 5 novembre spostamenti italiani

Ricerche su Google 2020: le domande degli italiani durante la pandemia

Quali sono state le ricerche su Google nel 2020 degli italiani? Quali i termini di tendenza che hanno caratterizzato il burrascoso anno del “coronavirus”, con domande e particolari parole chiave inserite nel motore web più importante della rete? Come ogni anno è proprio Big G a rivelarci cos’ha attirato l’attenzione degli internauti. E se lo

Leggi tutto