Libro Cuore
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on Pinterest

Il 18 ottobre 1886 viene pubblicato il libro Cuore dalla casa editrice Treves in quel di Torino. Autore Edmondo De Amicis, che già si era fatto apprezzare per racconti, inchieste giornalistiche e recensioni di viaggi.

L’Italia del dopo unità venne subito conquistata da quel libro che parlava di buoni sentimenti, amore di patria, eroismo, rispetto per le istituzioni e per i genitori. I protagonisti sono i ragazzi di una terza elementare di Torino, che rappresentano però varie regioni del nostro Paese. Di ognuno di loro viene raccontata la vita privata.

Libro Cuore: strutturato come un diario

Il libro Cuore è strutturato come un diario. Il grande protagonista è Enrico Bottini, un alunno che annota tutti i fatti più importanti di ogni giornata dell’anno scolastico 1881/82, dal mese di ottobre a quello di luglio. Scrive ciò che accade ai compagni, i racconti mensili del maestro, gli insegnamenti morali ricevuti dai genitori.

Vengono caratterizzati meravigliosamente alcuni personaggi: la maestrina della penna rossa, il perfido Fanti, il generoso Garrone, il tamburino sardo, la piccola vedetta lombarda, il piccolo scrivano fiorentino.

Prima pubblicazione

La prima pubblicazione fu ristampata in 40 edizioni e, successivamente, tradotta in 25 lingue. I ragazzi di ogni generazione, per molto tempo, lo hanno letto come strumento educativo. Solo dopo la Seconda guerra mondiale, il suo valore pedagogico è stato messo in discussione per toni troppo moraleggianti e per il sentimentalismo troppo lontano dalla realtà. Ancora oggi, in ogni caso, è considerato un gigante nella letteratura per ragazzi.

I film

L’opera ha ispirato i registi, che hanno creato due film. Il primo nel 1948 vede come protagonista il grande Vittorio De Sica. Non solo: dal libro Cuore sono nati uno sceneggiato televisivo prodotto dalla Rai nel 1984 e due cartoni animati della Nippon Animation. (Wikipedia)

LEGGI ANCHE: Volto su Marte: quella foto della Nasa che stupì il mondo.

[Photo free by Pixabay]