Internet Explorer va in pensione, l’addio dopo 27 anni

Internet-Explorer

Microsoft ha deciso, in via ufficiale, di mandare in pensione Internet Explorer, il suo storico browser. Dopo 27 anni di più o meno onorato servizio, il browser web non sarà più supportato e si fermerà alla versione 11. IE, come veniva chiamato, continuerà a vivere su vecchissimi computer che ancora riescono a farlo funzionare mentre Edge, l’attuale browser di Microsoft, conserverà la modalità Internet Explorer per far sì che gli utenti possano continuare a utilizzare applicazioni in grado di girare solo su quel browser. Insomma, i tempi per trovare soluzioni alternative, almeno in questi casi limite, ci saranno.

La storia di Internet Explorer

Il browser di casa Microsoft fa la sua apparizione sul mercato nel 1995. Sono i tempi in cui il sistema operativo Microsoft è installato, di default, sulla maggior parte dei computer venduti. Internet Explorer è, in definitiva, il browser web su cui molti adulti di oggi hanno iniziato la propria avventura sul web. Nel corso degli anni, proprio grazie a questa caratteristica, Explorer arriva a guadagnarsi il 90% della fetta di mercato ma per Microsoft arrivano anche le accuse di abuso di posizione dominante dall’Unione europea. Queste accuse, unite al fatto che nel frattempo arrivano altri browser (Mozilla Firefox e Google Chrome su tutti), fanno sì che gradualmente IE perda utenti, fino ad arrivare al solo 2% di mercato.

Perché IE ha perso utenti

Internet Explorer non è riuscito a sopravvivere all’arrivo di Firefox, Chrome e Safari poiché, a differenza di questi ultimi, non ha saputo stare al passo con i tempi e con le esigenze degli utenti e di un panorama tech che mutava velocemente. Nel corso del tempo, Internet Explorer è diventato il browser dei bug, dei problemi di sicurezza. Explorer è diventato soprattutto il “browser lento”. Il suo successore, Edge, non ha avuto migliore fortuna visto che detiene, attualmente, solo il 6% del mercato. Google Chrome, da questo punto di vista, sembra davvero inarrivabile, con la sua quota del 77%.

La fama di browser lento di Internet Explorer è così diventata motivo di ironia sui social, in particolare su alcuni account che ne prendono in giro proprio la lentezza. Non sorprende, dunque, la decisione di Microsoft di farlo uscire definitivamente da un mercato che ormai non gli apparteneva più da diversi anni.

L’aspetto curioso della vicenda, oggi, riguarda il fatto che anni fa, accanto alle accuse di abuso di posizione dominante da parte dell’Ue, c’erano anche le accuse mosse da Google, proprio in tal senso. Quella stessa Google che oggi domina incontrastata il mercato, con il suo browser Chrome, con i suoi strumenti, con il suo potere di decidere le sorti della visibilità online e delle notizie. In realtà la guerra tra Microsoft e Google è ormai decennale e le accuse reciproche non sono praticamente mai cessate.

Post correlati

successo dei podcast

Podcast: ecco gli elementi di successo della nuova moda internet

Le abitudini di ascolto degli italiani sono cambiate ormai da qualche anno e dal 2016 si è assistito a una crescita esponenziale dell’interesse verso i podcast. In primis dall’aumento delle ricerche sul tema effettuate online dagli utenti. E la situazione emergenziale, con lockdown annesso, ha dato una spinta considerevole alla crescita del fenomeno. Gli italiani hanno

Leggi tutto

600 euro dell’Inps: attenzione alla truffa della falsa mail

Torna in auge la truffa delle 600 euro dell’Inps. Questa volta ad intervenire per allertare gli utenti sono sia INPS che Polizia di Stato. L’avviso era già stato diramato a metà ottobre quando dopo i vari tentativi di phishing denunciati nei mesi di luglio-agosto, con la falsa mail dell’Inps riguardo il bonus delle 600 euro,

Leggi tutto

Ora si può clonare una chiave registrando il suono della serratura

Si chiama SpiKey il software in grado, mediante una semplice registrazione audio del rumore di una serratura, di clonare una chiave. A mettere a punto questa tecnologia un’équipe di ricercatori della National University of Singapore. L’app per smartphone SpiKey ha però una grossa falla. E per fortuna che c’è. In quanto la registrazione del suono

Leggi tutto