Friendfeed: la storia di un social leggendario

Friendfeed Popart
E' stato il primo vero social network. La blogosfera italiana agli albori ancora oggi ricorda con nostalgia quei tempi. Ora Friendfeed chiude. Ecco perché.

Tutto ha una fine. Ma dispiace. Molti non lo conoscono, ma Friendfeed è stato un social che ha unito molte persone. Ha chiuso i battenti il 9 aprile 2015 lasciando tantissimi blogger e utenti web orfani del primo vero social network. Fu infatti Friendfeed a creare topic da antologia e lunghissime chiacchierate tra persone di ogni estrazione sociale, quando ancora la blogosfera italiana era agli albori. Ma andiamo a conoscere meglio questo social che molti nuovi “socializer” neanche hanno mai sentito nominare.

Friendfeed era un social network (per certi aspetti simile a Facebook e Twitter) che ci permetteva di pubblicare e condividere le nostre foto e stati attraverso una bacheca; ci consentiva inoltre, collegamenti ai blog, applicazioni e siti, per poter rendere visibile in tempo reale ogni nostra azione sul web. Il principale scopo del servizio era creare un flusso informativo che raggruppasse le attività dell’utente al di fuori di Friendfeed stesso.
Per poterne usufruire era necessario registrarsi su www.friendfeed.com (cliccate e guardate dove rimanda adesso il link…) e quindi aprire un account. Dopo l’attivazione del profilo era possibile aggiornare la nostra immagine tramite le opzioni d’impostazione (che ci permettevano inoltre, di aggiungere una nostra descrizione personale, cambiare la lingua utilizzata, settare una nuova password, cambiare mail e aggiungere nuovi social). Su Friendfeed era possibile iscriversi a gruppi creati dai nostri amici e non.

Friendfeed, la storia

Friendfeed nasce nell’ottobre del 2007, a Montain View (California), da un complesso di vecchi dipendenti e programmatori di Google: Jim Norris, Bret Taylor, Sanjeev Singh e Paul Buchheit (quest’ultimo, oltre ad essere riconosciuto come l’autore di Gmail è considerato l’uomo chiave della società). Dal giugno 2009, Friendfeed è disponibile in diverse lingue (Cinese, Francese, Giapponese, Russo e naturalmente Italiano); Nell’agosto dello stesso anno, Facebook lo acquisisce per oltre 15 milioni di dollari e 32,5 in azioni (della stessa società fondata da Zuckerberg). L’acquisizione segna l’inizio del declino ogni aggiornamento e manutenzione (ed anche utenza). Nel 2015, viene annunciata un’imminente chiusura del sito. [Qui un post molto interessante di Wired.it]

Friendfeed va offline

Il 9 marzo 2015, lo sviluppatore statunitense Benjamin Golub, rende nota (qui la comunicazione) la prossima chiusura (di seguito il testo tradotto):
“Cari amici della community di FriendFeed, desideriamo comunicarvi che presto chiuderemo FriendFeed. Abbiamo mantenuto il servizio anche dopo l’acquisizione di Facebook circa cinque anni fa, ma il numero di persone che lo utilizzava ha continuato a diminuire e la community ormai è una frazione di quella che era una volta. Constatato come stanno le cose, siamo arrivati alla conclusione che fosse il tempo di tirare i remi in barca. Da oggi non accetteremo più nuove iscrizioni. Potrete vedere i vostri post, i messaggi e le foto fino al 9 aprile. E sempre il 9 aprile chiuderemo FriendFeed e non sarà più disponibile il servizio. Desideriamo ringraziarvi per essere stati parte di una community così entusiasta e magnifica. Siamo fieri di ciò che abbiamo creato tanti anni fa, e ci rendiamo conto che non avremmo mai potuto farlo senza il vostro sostegno”.

[Photo Logo Friendfeed – Restyling by Stylology.it]

Post correlati

Ecco le professioni che faremo nel Metaverso 

Con l’avvento del Metaverso si spalanca un mondo di opportunità professionali. Parliamo di un business, quello del Metaverso, che nel 2020 era valutato circa 50 miliardi di dollari e che Grayscale, piattaforma online che offre una serie di servizi ed offerte riguardo le principali criptovalute, stima raggiungerà nel 2024 gli 800 miliardi. Lavorare nel Metaverso

Leggi tutto

Diffamazione sui social network: ecco perché è un reato

Ora è ufficiale: la diffamazione sui social è un reato perseguibile. Infatti la sentenza n. 33219 della Corte di Cassazione del 01/07/2021 stabilisce il reato di diffamazione per la pubblicazione di messaggi offensivi ai danni di una persona sul proprio stato di whatsapp, con riferimento all’ art. 595 del Codice Penale. Il caso specifico riguardava

Leggi tutto

NFT che cosa sono: scopriamo i non fungible token

Andiamo alla scoperta di questi famosi NFT che tutti cercano e desiderano, indagandone tutti i vari aspetti, da quelli teorici, a quelli tecnici e giuridici, nonchè il loro rapporto con il sistema tecnico blockchain e l’interessante utilizzo nel mondo dell’arte. Gli NFT che cosa sono? Approfondiamo la funzione di questi “certificati di proprietà” in modo

Leggi tutto