Anomalya, la supercar 100% italiana protagonista a Sanremo

Stanno per accendersi le luci sulla settimana di eventi organizzati da ShowEvent al Grand Hotel Des Anglais di Sanremo in occasione del Festival della Canzone Italiana e uno dei momenti più elettrizzanti sarà sicuramente la presentazione di Anomalya, la prima supercar 100% italiana che sarà ammirabile presso l’ingresso della struttura.

Anomalya nasce da un’idea trentennale di Sly Soldano e maturata quattro anni fa nella sua straordinaria Sly Garage Factory. In questa realtà di Capannori, vicino Lucca, lavora quotidianamente con vetture di alto calibro e nomi molto importanti quali Ferrari, Porsche, Bentley.

anomalya vista frontale

Anomalya nasce dall’esigenza di creare una supercars che riscopra  la vera essenza che non è nell’apparire ma nell’essere, costruita su misura per i gentlemen driver e il loro divertimento. In essa sono racchiusi venticinque anni di esperienza, tre anni e mezzo di lavoro e tutto ciò che la tecnologia moderna permette per migliorare stabilità handling e piacere di guida, ma senza alcun tipo di “filtro” o “bugia”.

Anomalya, prestazioni da vera supercar

anomalya, vista alta

Anomalya riporta il piacere di guida delle supercars degli anni ‘90, abbinata alla tecnica, ai materiali e alla tecnologia delle vetture dei giorni nostri. Con un peso pima di 1080 chili questa supercar può raggiungere la velocità massima di 270 Km/h con un accelerazione da 0-100 Km/h in 4,4 secondi.

Anomalya è, come dice il nome stesso, un’auto anomala, che letteralmente significa “non conforme”, non conforme a tutti quegli stereotipi che ci impongono come politicamente corretti. Anomalya viene definita dal costruttore come “la donna sbagliata di cui ti innamori“, consapevole che non sia la donna giusta, ma anche consapevole del fatto che non potrai più farne a meno.

L’appuntamento per scoprire questa estrosa supercar è al Grand Hotel Des Anglais di Sanremo nella settimana del festival della canzone italiana.