Mobike come funziona
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on Pinterest

Mobike come funziona? Qui avrete tutte le risposte che state cercando. Il futuro del mondo appartiene alla sharing economy e alla sostenibilità ambientale, o almeno questa sembra essere la via attualmente da percorrere per salvare un pianeta Terra messo a dura prova dalle attività umane.

Ofo bike Milano come funziona: cosa devi sapere per usare le bici gialle

In quest’ottica ben si inseriscono i servizi di bike-sharing come Mobike, che non hanno solo il pregio di mettere a disposizione un mezzo che tutti possono usare per spostarsi in città, ma consentono anche di muoversi con un mezzo che non produce inquinamento di alcun tipo.

mobike come funziona

Cos’è il bike-sharing

Prima di parlare dettagliatamente del servizio offerto da Mobike, cerchiamo i capire bene cos’è il bike-sharing e come funziona. Il bike-sharing (condivisione bici) è un servizio che mette a disposizione biciclette che tutti possono utilizzare per spostarsi lungo brevi tragitti.

Il servizio si serve in genere di apposite postazioni in cui lasciare e prendere le due ruote. In alcune grandi città esso è già presente (come lo è il car sharing, per le autovetture) ma il servizio è destinato certamente ad essere sempre più capillare, in modo tale da abbattere il traffico automobilistico in strada e da combattere l’inquinamento acustico e atmosferico.

Mobike come funziona?

Aver spiegato cos’è il bike-sharing ci ha permesso, indirettamente, di spiegare anche cosa siano l’applicazione e il servizio offerti da Mobike. Mobike è infatti la prima piattaforma di bike-sharing al mondo che non ha postazioni fisse (al contrario dei servizi di bike-sharing attualmente presenti anche nelle nostre città), che non richiede l’utilizzo del contanti e che permette di effettuare brevi spostamenti all’interno delle città.

Per funzionare, Mobike si serve di un sistema di blocco intelligente e di un’app mobile che consente di trovare una bici in qualunque momento e in qualunque luogo in cui ne abbiamo bisogno.

Spostarsi sulle due ruote rappresenta infatti un’alternativa più economica, spesso più veloce e certamente più salutare rispetto allo spostamento in auto. Ed è anche per questo che Mobike punta ad estendere il proprio servizio in tutte le principali città del mondo.

Come funziona Mobike

Per iniziare ad utilizzare l’app Mobike è necessario scaricarla da AppStore se abbiamo un iPhone oppure da Google Play Store se abbiamo uno smartphone Android. Una volta installata, dovremmo verificare il nostro numero di telefono, confermare che abbiamo più di 16 anni e approvare un deposito (rimborsabile) di 1 euro. Completata la procedura, Mobike è pronta per essere utilizzata.

Per utilizzare Mobike è necessario trovare una bicicletta nelle proprie vicinanze (basta utilizzare la mappa per farlo), cliccare su quella che interessa e prenotarla. Attraverso l’applicazione Mobike la bici raggiunta verrà sbloccata attraverso la scannerizzazione del relativo codice (al termine dell’utilizzo la bloccheremo di nuovo, sempre servendoci dell’app, pagando così per il tempo che l’abbiamo utilizzata effettivamente).

Quanto costa Mobike

Chiariamo subito che prenotare e cancellare una prenotazione sull’app Mobike è assolutamente gratuito. L’utente paga infatti soltanto per l’effettivo utilizzo del servizio, dal momento in cui sblocca la bici prenotata fino al momento in cui la blocca di nuovo.

Il primo accesso al servizio richiede un deposito (rimborsabile) di 1 euro mentre l’utilizzo del servizio di bike-sharing di Mobike costa € 0.3 ogni 30 minuti (se la bici viene utilizzata per un tempo inferiore a 30 minuti, comunque si paga la tariffa base di € 0.3). Per usufruire del servizio è inoltre necessario avere credito a disposizione sul proprio Portafoglio, che può essere ricaricato direttamente dall’app Mobike, accedendo al proprio profilo.

Come funzionano i crediti Mobike

Al fine di mettere a disposizione degli utenti un servizio comodo, pratico ed efficiente ma anche di incentivarne il corretto utilizzo, Mobike prevede un funzionamento a crediti. Quest’ultimo premia chi utilizza il servizio in modo corretto e rende maggiormente oneroso il servizio per coloro che invece trasgrediscono le regole.

Ogni utente, all’atto dell’iscrizione a Mobike, ha a disposizione un totale di 100 crediti, che gli consentono di usufruire della tariffa indicata in precedenza (numero di crediti che può aumentare, mantenendo una buona condotta). Se si trasgrediscono le regole e il totale dei crediti sono uguali o inferiori a 80, l’utente non pagherà più € 0.3 ogni 30 minuti bensì € 20 euro ogni 30 minuti.

Quali sono le regole che se trasgredite fanno perdere punti?

Parcheggiare in un’area recintata (meno 20 crediti), abbandonare la bicicletta se fermati dalla polizia (meno 50 crediti), dimenticare di bloccare la bicicletta e alla fine riprenderla (meno 15 crediti). I crediti vengono invece ridotti automaticamente a 0 quando si utilizza un blocco privato, ci si dimentica di bloccare la bici e questa viene persa, si trasporta illegalmente la bicicletta.

Ultimi consigli utili

Aspetti positivi: una una discreta frenata ed la pedalata è facile (rapporto unico e leggero). La sella è morbida.
Aspetti negativi: la sella è bassa e un po’ scomoda per i più alti. Non è molto stabile, quindi le prime volte fate attenzione. Abituatevi a guidarla prima di accelerare troppo.

Non vi resta che visitare il sito ufficiale e scaricare l’app.

LEGGI ANCHE: Quando è nata la bicicletta: tutto cominciò con la draisina di Karl Drais.