Vins Motors

Ha inaugurato il primo stabilimento a Maranello nel marzo 2017 e Vins Motors è oggi il risultato della sinergia di competenze e professionalità dei suoi soci fondatori.

Lo scopo principale per cui è nata è stato quello di soddisfare molteplici richieste: dal design finalizzato allo sviluppo e personalizzazione richiesta dal cliente, alla progettazione tramite software professionali, passando per l’ingegnerizzazione di componenti vitali quali il motore, sospensioni, telaio monoscocca, lavorazione meccaniche e dei materiali compositi.

Vins Motors

Vins Motors (sito ufficiale) si definisce come una piccola bottega in grado di realizzare internamente la maggior parte dei processi, investendo poi in strutture e conoscenze che le permette un controllo totale e meticoloso sul prodotto, a tutto vantaggio della qualità finale.

Pur essendo stata ufficialmente inaugurata solo a marzo 2017, il progetto originario di Vins è nato anni fa, da un’idea del CEO dell’azienda, Vincenzo Mattia. La sua voglia di realizzare una moto totalmente innovativa, lo ha portato a iniziare a sperimentare e progettare in un garage e poi a creare un vero e proprio team. Si sono così aggiunti Enzo Doino, Giuseppe Evangelista, Davide Perino e Nicola Trentani. Ciascuno di loro ha contribuito con mansioni differenti a un apporto fondamentale al progetto.

Progetto che è scaturito in un primo prototipo – Powerlight – presentato nel 2015, in anteprima all’Eicma, e che l’anno successivo è stato premiato come miglior design al Motorcycle Brand Contest categoria sotto i 100 kg.

Nel 2016, con l’arrivo del sesto socio Attilio Giuliani, la svolta definitiva, con la nascita dell’azienda a Maranello. Nel novembre dello stesso anno sono poi stati presentati in anteprima mondiale i modelli Duecinquanta e Duecinquanta Competizione.

Tecnologia

Il motto di Vins Motors, “Una nuova idea di moto”, influenza ogni aspetto delle sue moto, da quello più prettamente tecnico a quello del design.

Il motore, ad esempio, è un innovativo 2 tempi Tandem V-Twin, bicilindrico a V di 90 gradi con doppio albero controrotante ad iniezione elettronica. Cambio estraibile a sei rapporti con frizione rinforzata su misura. Valvole di scarico a controllo elettronico tramite servocomando. Doppio sistema di raffreddamento con lavaggio integrato.

Il telaio monoscocca autoportante in fibra di carbonio, con nodo anteriore integrato, presenta una forma scultorea, sinuosa ed ergonomica. È anche un condotto aerodinamico e contiene nodo anteriore, radiatore, serbatoio e motore.

Le caratteristiche del radiatore incidono positivamente su aerodinamica e termica: fatto su misura, è più piccolo rispetto a quelli presenti sul mercato, ma conserva le stesse proprietà grazie alla posizione inedita che sfrutta al meglio i flussi d’aria in ingresso.

Lo schema sospensioni integra contemporaneamente una sospensione anteriore con triangoli sovrapposti e una posteriore tipo push-rod parallelo a doppia attuazione, entrambi con monoammortizzatore regolabile. Entrambe le forcelle sono realizzate in fibra di carbonio, così come i cerchi.

Infine lo stile, dalle linee essenziali e dinamiche, è il risultato di un dialogo profondo con lo sviluppo tecnologico e la ricerca dell’estrema leggerezza che è alla base della Vins Motors. La forma della moto è originale e aggressiva, dallo spirito tipicamente sportivo.

Moto Duecinquanta

Iniziamo dalla scelta del nome, Duecinquanta, che per Vins Motors rimanda ai motori di un passato non troppo lontano e mai dimenticato. Questo modello si presenta come una moto unica, dal design originale e moderno, in cui il Duecinquanta identifica il nuovissimo propulsore bicilindrico a due tempi a iniezione elettronica, creato da Vins stessa.

Duecinquanta è stata pensata per essere innovativa sotto tutti i punti di vista: creata per essere la sportiva stradale più leggera attualmente in produzione, si presenta come un prodotto tecnologicamente avanzato. Il telaio monoscocca in fibra di carbonio e le sospensioni di schema non convenzionali, dove ogni componente è ottimizzato per poter svolgere più funzioni, risultano una perfetta fusione tra la componente meccanica e quella estetica e garantiscono soluzioni inedite nel campo moto. L’accurata ricerca della leggerezza ha portato allo sviluppo di una moto dal carattere vivace, divertente per le prestazioni, che è in grado di sprigionare sia nei circuiti tecnici che lungo le strade di montagna.

Moto Duecinquanta Competizione

Per gli amanti delle moto da pista, Vins Duecinquanta Competizione è un modello che garantisce massime prestazioni. Ciò è possibile grazie alla presenza del motore due tempi a iniezione elettronica da 288cm³ che eroga 75 cavalli, per una velocità massima fino a 230km/h. Rispetto alla versione stradale è caratterizzata da un look più aggressivo, in full carbon, e un design dedicato delle carene, con le prese aria frontali maggiorate per assicurare una maggiore portata d’aria al radiatore.

Vincenzo Mattia, CEO e Progettista Vins Motors

“Nasciamo come casa costruttrice di motociclette. Come si fa nelle migliori storie, siamo partiti dalla realizzazione dei primi prototipi funzionanti, abbiamo iniziato a girare e la cosa ha cominciato a funzionare. Utilizziamo le tecnologie prese direttamente dai campi più avanzati rispetto al motociclismo, come la Formula 1 o l’Aeronautica, e le trapiantiamo direttamente nel nostro settore e nella nostra moto”.

Una moto ultraleggera grazie agli adesivi struttirali di 3M. Vi sveliamo Vins Motors e il suo progetto rivoluzionario.

Vins Motors: Nessuna saldatura

“In tutta la moto non ci sono saldature, contrariamente a tutte le altre motociclette sul mercato. Vi sono parti collaminate e parti incollate. Noi utilizziamo, nella fattispecie, l’adesivo strutturale 3M, il DP 490, con il quale ci siamo trovati molto bene nel corso del tempo, sia a livello di processo sia a livello prettamente funzionale”.

Gli adesivi strutturali 3M

La nostra è una moto dinamicamente molto efficace perché è leggera. Riusciamo, in pratica, a ottenere la stessa resa sforzo flessionale di un telaio o di una forcella “tradizionali” utilizzando le tecnologie attuali, il carbonio accompagnato dall’adesivo 3M. Per arrivare a questo dovevamo utilizzare i migliori materiali e i migliori fornitori e con l’adesivo strutturale 3M siamo assolutamente riusciti nell’intento. E i clienti sono soddisfatti di questo”.

Per avere ulteriori informazioni sugli adesivi strutturali 3M cliccate qui.

In collaborazione con 3M Italia