CityScoot Milano: la guida utile e tutti i consigli pratici

CityScoot è fino ad ora il più grande servizio di scooter sharing elettrico disponibile a Milano.

Attualmente presente in Italia garantendo il proprio servizio a Milano e Roma, CityScoot è fino ad ora il più grande servizio di scooter sharing elettrico disponibile in queste città.

Chi ama spostarsi sulle due ruote può così contare su un servizio comodo, che non prevede costi di iscrizione e che permette di rispettare anche l’ambiente, dato che i suoi scooter sono elettrici e silenziosi.

CityScoot Milano: ecco come si usa

Utilizzare Cityscoot è davvero facile. Basta scaricare l’app per dispositivi Apple (https://itunes.apple.com/it/app/cityscoot/id1011202160?mt=8) o per dispositivi Android (https://play.google.com/store/apps/details?id=com.livebanner.cityscoot&hl=it), procedere con l’iscrizione se si effettua l’accesso per la prima volta e quindi cominciare ad utilizzare il servizio quando lo si desidera.

L’app Cityscoot mostra sulla mappa iniziale gli scooter elettrici più vicini alla propria posizione. Una volta scelto il mezzo più vicino, basta cliccare su “Accetto le condizioni generali di utilizzo” e quindi su “Prenoto il mio Cityscoot”. A questo punto si avranno 10 minuti di tempo per raggiungere lo scooter e per sbloccarlo utilizzando il codice di 4 cifre ricevuto nell’app.

MiMoto come funziona: ecco cosa fare per usare gli scooter gialli.

Durante il periodo in cui si è in possesso dello scooter, è possibile fare una pausa oppure uscire dalla zona di Cityscoot.

L’aspetto importante da ricordare, però, è che al termine del noleggio il mezzo deve tornare all’interno della zona e deve essere lasciato in luogo pubblico autorizzato. Il noleggio viene fatto terminare attraverso l’applicazione.

Quanto costa CityScoot

Al momento sono previsti due sistemi di tariffazione per utilizzare Cityscoot. Il primo, tariffa “CityMoover”, permette di pagare solo i minuti di noleggio effettivi e ha un costo di 0,29 euro al minuto. Il secondo, tariffa “CityRider”, permette di acquistare un pacchetto di 100 minuti di utilizzo pagando 22 euro.

CityScoot: prendi nota

Possono noleggiare e guidare uno scooter elettrico di Cityscoot tutte le persone maggiorenni e in possesso di patente AM, patente A1, patente A2, patente A o patente B. La velocità massima degli e-scooter è di 46 km/h.

È assolutamente obbligatorio indossare un casco omologato, disponibile nel sottosella. Sono inoltre disponibili cuffiette telate per l’igiene (è anche possibile utilizzarne di proprie) e il coprigambe. Non è permesso salire a bordo con un passeggero.

Non ci si deve assolutamente preoccupare di ricaricarle lo scooter elettrico perché di questo se ne occupa il team di Cityscoot.

Durante tutto il periodo di noleggio, l’utente beneficia della copertura assicurativa All-risk stipulata con Allianz Italia.

Post correlati

Piazzale Loreto Milano: ecco LOC, il progetto ecosostenibile

Il progetto Loc – Loreto Open Community– ambisce a trasformare Piazzale Loreto a Milano da grande snodo del traffico a spazio verde pubblico e collettivo, finalizzato a realizzare le necessità ma anche i desideri della “community”, progettando un ambiente da vivere e sfruttare pienamente. I lavori partiranno nel 2023 per terminare nel 2025, un anno

Leggi tutto
Gruppo Autogrill ospita Sal De Riso

Motta Milano 1928 al Mercato del Duomo accoglie Sal De Riso

Il bar all’italiana. Così è conosciuto lo storico marchio Motta Milano 1928 del Gruppo Autogrill. Quell’italianità che punta sull’eccellenza della tradizione gastronomica ammirata in tutto il mondo, rivisitata in chiave contemporanea. Di questo immaginario ora farà parte anche Salvatore De Riso, presente al Mercato del Duomo con la sua offerta di dolci rigorosamente made in Costiera Amalfitana. Gruppo Autogrill e prodotti premium Prosegue così il

Leggi tutto
tram passerella

Tram Passerella, l’anti Covid-19 futuristico di stile e design

Progettare un tram anti Covid-19 reinterpretando in chiave moderna lo storico convoglio milanese tram ATM Classe 1500 introdotto per la prima volta in città nel 1929. A pensarci l’architetto italiano Arturo Tedeschi. Dalla sua mano nasce Tram Passerella, l’erede del nuovo millennio, un concept tram che recupera e reinterpreta lo stile e le proporzioni del primo modello

Leggi tutto