Peugeot 3008 Interni

Ormai dovremmo sapere alla perfezione cos’è il Peugeot i-Cockpit, tuttavia c’è sempre qualche aspetto da approfondire, qualche dettaglio da scoprire. Ad esempio la caratteristica di adattarsi alle esigenze di chi guida. Intanto ricordiamo brevemente di cosa si tratta, per chi si fosse imbattuto solo ora in questa curiosa definizione.

peugeot_i-cockpit_0001

Il termine inglese cockpit è mutuato dall’ambiente navale e successivamente aeronautico: indica il compartimento dal quale viene controllato il movimento del veicolo; essenzialmente la cabina di pilotaggio che, in un’automobile, diventa la postazione di guida. (Peugeot 3008 e non solo: scopriamo il Cruise Control)

i-Cockpit: sistema rivoluzionario

Peugeot diffuse il concetto di i-Cockpit nel 2012, quando venne presentata la prima serie della 208. Le sue caratteristiche preminenti erano il volante di piccole dimensioni, il quadro strumenti in posizione rialzata ed un touchscreen centrale che concentra le funzioni multimediali.

Nel 2016 è arrivata la seconda versione dell’i-Cockpit, contestualmente alle nuove generazioni di 2008, 3008 e 5008, oggi diventate veri e propri SUV. La postazione di guida conserva sempre i cardini sopra descritti, aggiornati nel design. A ciò si aggiunge un’evoluzione piuttosto profonda verso la personalizzazione.

Peugeot i-Cockpit

Peugeot i-Cockpit

Torniamo così alla capacità di adattarsi alle esigenze della persona seduta al posto di guida. Si comincia dal quadro comandi. Poiché nella nuova versione dell’i-Cockpit ciò che definiamo normalmente come cruscotto è totalmente digitale, esso consente una configurazione molto flessibile. Di default, cioè nell’impostazione predefinita dal costruttore, viene proposta una visualizzazione molto avanzata: alle due estremità laterali gli indicatori di livello del carburante e temperatura dell’acqua, mostrati in stile colonnina luminosa che sale o scende, come se fosse il mercurio di un termometro tradizionale; in posizione più centrale ma sempre ai lati troviamo il tachimetro e il contagiri, a scorrimento verticale.

Poi c’è la grande area centrale, dove domina l’animazione della mappa tridimensionale per il percorso impostato nel navigatore, mentre sulla sinistra viene duplicata la velocità istantanea in cifre, il limite di velocità del tratto che si sta percorrendo e l’eventuale velocità del cruise control.

Questa visualizzazione si può modificare a piacimento. Ad esempio si possono impostare i due quadranti tradizionali, “analogici”, di tachimetro e contagiri con la lancetta; oppure avere il contagiri analogico a destra, la velocità in cifre al centro e un altro quadrante informativo a sinistra; o anche scambiare le posizioni dei quadranti. Praticamente l’unico limite è la fantasia.

Nuovo SUV Peugeot 3008: scopri tutte le info sul sito del Leone

i-Cockpit Amplify

Ma il Peugeot i-Cockpit della generazione 2016 va oltre. Chi sceglie l’optional i-Cockpit Amplify può assaporare una vera immersione sensoriale, letteralmente. Infatti, alla sola pressione di un tasto sull’interfaccia centrale, è possibile modificare parametri che vanno ad incidere su vista, udito, tatto e olfatto. Nello specifico, l’intensità dell’illuminazione interna, l’ambiente musicale, la scelta dei punti di massaggio nei sedili e il diffusore di profumi.

Tre fragranze nell’abitacolo

Partendo da quest’ultimo, sono disponibili tre fragranze preparate dalle aziende profumiere Scentys e Antoine Lie. Si comincia da “Cosmic “Cuir, poi ci sono “Aerodrive” e “Harmony Wood”: si va dall’inebriante al rilassante.
Le possibilità di personalizzazione sono troppo estese per essere descritte in questa sede. E’ sufficiente accennare ai due ambienti di base, da cui poi si operano le modifiche. “Boost” è orientato ad un maggiore dinamismo, mentre chi vuole mettere l’accento sulla serenità può basarsi su “Relax”.

Driver Sport Pack

Un esempio pratico viene dal Driver Sport Pack: oltre a modificare parametri tecnici come la risposta di motore e cambio, servosterzo e acceleratore, esso accentua anche la sonorità del propulsore intervenendo sull’amplificazione dell’impianto audio, per migliorare il suono del motore nell’abitacolo; inoltre le animazioni e le visualizzazioni su quadro strumenti e display centrali sono orientate agli aspetti della guida pura: potenza erogata, pressione di sovralimentazione, accelerazione longitudinale e trasversale. Peugeot i-Cockpit: come tu mi vuoi.

Peugeot i-Cockpit: comodità, infotainment e un volante perfetto

gallery wordpress plugin