Mazda CX-5

Il Mazda CX-5 è uno dei modelli più importanti per la casa giapponese, tanto da costituire il 25% delle sue vendite dal 2012, quando fu lanciato sul mercato. E ora arriva la nuova generazione, è il momento dell’ingresso anche nei listini italiani. Oltre ad una solida meccanica ed elettronica avanzata, le Mazda hanno sempre catturato l’attenzione per il loro design. In un mondo e un’epoca in cui tutto sembra omologarsi, le vetture di questa marca certamente non passano mai inosservate e non c’è bisogno di tirare in ballo la MX-5.

Abbiamo avuto modo di toccarlo con mano a Barcellona con gli amici di Mazda Italia. Due giorni intensi durante i quali abbiamo percepito l’importanza del design per il brand giapponese. Affascinante il design KODO – Soul of Motion che sposa il concetto Jinba Ittai: conducente e vettura sono una cosa sola. Mazda pone l’uomo al centro con la sua filosofia tecnica e progettuale. Ma andiamo a conoscere meglio questo SUV rivoluzionario.

Mazda CX-5 #DriveTogether

Il SUV Mazda CX-5 non fa eccezione La nuova serie assume una fisionomia più slanciata, in virtù della maggiore lunghezza di 10 mm (4.550 totali) e della minore altezza di 35 mm (1.680). Tra i veicoli con questo tipo di carrozzeria è certamente uno dei più bassi. Ricordiamoci sempre che, anche e soprattutto per un SUV, basso è meglio: più stabile, più veloce, meno assetato e anche più bello.

Altre differenze nella composizione della struttura hanno dato al nuovo Mazda CX-5 un carattere più deciso. All’anteriore è stata ridisegnata la calandra. La griglia ha ora una trama a piramide laterale, circondata dalla consueta cromatura che sale “in appoggio” verso i fari. Originale la firma luminosa dei Led, una linea orizzontale che attraversa un cerchio.

Il Design

La vista di profilo farebbe quasi pensare ad una berlina, se non fosse per le protezioni di passaruota e sottoscocca. La linea di cintura (cioè la base dei finestrini) è stata leggermente abbassata e ciò contribuisce ad accentuare tale effetto. Gli specchietti retrovisori hanno ora una forma più sottile. I cerchi in lega da 17 pollici hanno un colore argento scuro, mentre quelli da 19 sono in tinta canna di fucile. Nella coda notiamo il portellone (ora ad azionamento elettrico) che forma un disegno trapezoidale spinto fino alle ruote.

Soul Red Crystal

Mazda poi sottolinea in particolare una nuova tinta per la carrozzerie, chiamata Soul Red Crystal (accresce il livello di luminosità di circa il 20% e ne aumenta la profondità di quasi il 50%).

E’ una particolare tonalità di rosso che raggiunge importanti livelli di trasparenza. Si tratta dell’applicazione di una precisa tecnologia di verniciatura della casa, chiamata Takuminuri. E’ del tipo a tre strati: uno riflettente, uno traslucido e uno trasparente. Lo strato riflettente usa scaglie di alluminio per aumentare la brillantezza e altre fotoassorbenti per accentuare le zone in ombra. Nel complessso si tratta di una gestione molto più accurata dei riflessi, per accentuare le linee della vettura.

Chiudiamo il discorso sul design esterno parlando dell’aerodinamica: nella calandra è integrata un’apertura a forma di condotto, oltre ad altri componenti, per ottimizzare i flussi d’aria. Il risultato è una riduzione del coefficiente di attrito del 6%: minori consumi e migliori prestazioni.

Gli Interni

Arriviamo agli interni. In Mazda il guidatore viene al primo posto. I sedili sono stati ridisegnati per dare un maggiore sostegno e una migliore comodità; quelli posteriori sono anche reclinabili. Il volante è di nuova generazione, forma più funzionale e pelle di migliore qualità. Tutti i comandi sono nelle posizioni più ergonomiche. Anche la leva del cambio è più vicina al volante. Quando si scelgono i sedili a regolazione elettrica, le memorizzazioni comprendono anche l’angolazione dell’Active Driving Display (la visualizzazione di alcuni dati sul parabrezza, altrimenti nota come Head-Up Display). I rivestimenti sono in tessuto nero oppure pelle nera o bianca.

La Meccanica

Due parole su meccanica, telaio ed elettronica. La struttura del nuovo Mazda CX-5 è più rigida del 15% grazie al maggiore impiego di acciaio ad alta resistenza. Molta cura è stata posta su sospensioni, freni e sterzo per garantire la migliore sicurezza e piacevolezza di marcia. Il tutto è arricchito da notevoli tecnologie di sicurezza, su tutti il G-Vectoring Control per ottimizzare l’erogazione della coppia motrice in curva.

I Motori

Arriviamo ai motori: Mazda non si è mai piegata alla tendenza del downsizing, la riduzione consistente delle cilindrate compensata dall’adozione spinta dei turbocompressori. Il motore a benzina Skyactiv-G 2.0 è aspirato ad iniezione diretta e ha una potenza di 165 cavalli (160 se la trazione è integrale).

C’è poi il turbodiesel 2.2 Skyactiv-D da 150 o 175 cavalli. Gli ultimi aggiornamenti hanno aumentato l’efficienza generale. Consumo medio benzina: tra 6,4 e 7,1. Consumo medio diesel: da 5 a 5,8. Infine è stato notevolmente migliorato il sistema di trazione integrale i-Activ AWD, in particolare nella riduzione degli attriti. Connettività avanzata e assistenza alla guida sono al livello dei migliori sul mercato.

I prezzi di listino del nuovo Mazda CX-5 vanno da 28.150 a 40.250 euro per le versioni a benzina e da 30.150 a 39.850 per i diesel.

Twitter: guarda tutti i tweet dedicato all’evento di Barcellona #DriveTogether.

Tutte le info sul sito ufficiale Mazda Italia.

[Photo Mazda Italia by Marco Curatolo with Silvio De Rossi]