Lamborghini Aventador Ultimae, la versione definitiva per salutare il V12 aspirato

L’ultimo modello dell’iconica supercar prima del passaggio all’elettrico ha il motore V12 più potente della storia e sarà prodotta a Sant’Agata bolognese in 600 esemplari. E’ la così battezzata Lamborghini Aventador Ultimae, l’ultima definitiva Aventador. Ovvero la Lamborghini col motore 12 cilindri aspirato. Dopo non ce ne saranno più e il Toro imboccherà altre strade, quelle dellʼibrido e delle nuove frontiere che non sono affatto escluse dal mondo delle supercar.

La Lamborghini Aventador con codice LP780-4 sfrutta le prestazioni della versione SVJ e intensifica la sofisticata eleganza della Aventador S, facendo convergere design e dinamismo in un deciso pezzo da collezione sia nelle forme coupé che roadster.

Anzi in una doppia vettura, perché la Coupé sarà prodotta in 350 esemplari ma ci sarà anche la Roadster Ultimae prodotta in 250 pezzi. Il motore V12 longitudinale posteriore di 6,5 litri è stato potenziato fino a 780 CV a 8.500 giri al minuto, 40 CV in più della Aventador S e 10 più della SVJ.

E pur col “peso” della trazione integrale, la LP 780-4 Ultimae accelera da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi, da 0 a 200 in 8,7 secondi e la Coupé raggiunge la velocità massima di 355 km orari.

Lamborghini Aventador Ultimae, un nome latino per l’addio ai motori termici

Lamborghini-Aventador_LP780-4_Ultimae-2022-profilo-anteriore

Il nome in latino (Ultimae, ultima) è coerente con il piano strategico Cor Tauri (termine latino per “cuore del Toro”) lanciato recentemente dal nuovo Ceo Stephan Wilkelmann, che ha tracciato la strada in modo chiaro.

Da oggi al 2022 modelli che celebreranno il motore a combustione, ed entro la fine del 2024 la completa elettrificazione della gamma e nella seconda metà del decennio una quarta, inedita, linea di prodotto sviluppata intorno a un modello full electric.

Il canto del cigno di un’architettura che ha fatto la storia del mondo dei motori, un oggetto la cui sopravvivenza non è certo in dubbio e che tuttavia verrà integrata da supporti elettrici. Nel frattempo questa supercar dalla tecnologia finissima, si avvale della monoscocca unica in fibra di carbonio, mentre le quattro ruote sterzanti (derivate dalla Aventador S) consentono prestazioni superbe in curva e grande stabilità alle alte velocità.

Lamborghini-Aventador_LP780-4_Ultimae_Roadster-2022-profilo-posteriore

L’impianto frenante in carboceramica è efficientissimo e permette di passare dalla velocità di 100 km/h all’arresto totale in appena 30 metri! Infine la “chicca” racing dell’alettone posteriore attivo, che ottimizza lʼaerodinamica perché è orientabile in tre posizioni, a garanzia del generale equilibrio della vettura.

La Aventador LP 780-4 Ultimae Coupé è proposta in una tonalità bicolore, grigio su grigio, con linee e dettagli come il profilo dello splitter e delle pinne anteriori in Rosso Mimir opaco. 

La Roadster invece, sempre tono su tono, è disponibile in Blu Tawaret e Blu Nethuns. prezzi non ancora rilasciati dalla casa bolognese. Ma siamo oltre le 400mila euro senza ombra di dubbio.