Giosuè Carducci

Uno dei poeti più importanti della storia italiana. Questo è stato Giosuè Carducci, morto il 16 febbraio 1907 (nato il 27 luglio 1835) a Bologna e Premio Nobel per la Letteratura soltanto un anno prima di scomparire, primo italiano a riuscirci. Oltre che eccelso poeta, Carducci è stato anche scrittore e senatore del Regno d’Italia. Per il centenario della sua morte, è stato emesso un francobollo a lui dedicato.

Giosuè Carducci

Tra i poeti maggiormente studiati nelle scuole italiane, della sua produzione non possiamo non ricordare Davanti a San Guido del 1878, Alla stazione in una mattina d’autunno del 1877, Pianto Antico del 1873, Alle fonti del Clitumno del 1876.

Le 7 frasi più belle

Ecco alcune delle frasi più celebri di Giosuè Carducci:

  1. Colui che potendo esprimere un concetto in dieci parole, ne usa dodici, io lo ritengo capace delle peggiori azioni.
  2. Surge nel chiaro inverno la fosca turrita Bologna, e il colle di sopra bianco di neve ride.
  3. Uno scribacchino fanfarone di poca letteratura e di troppi aggettivi.
  4. È pure un vil facchinaggio quello di dovere o volere andare d’accordo coi molti.
  5. Che m’importa di preti e di tiranni? Ei son più vecchi de’ lor vecchi dèi, lo maledissi al papa or sono dieci anni. Oggi co’l papa mi concilierei… Aprite il Vaticano. Lo piglio a braccio. Quel di sé stesso antico prigionier. Vieni: a la libertà brindisi io faccio: Cittadino Mastai, bevi un bicchier!
  6. Al giudizio dei nemici vuolsi avere sempre la debita osservanza.
  7. Il poeta, o vulgo sciocco, un pitocco non è già… Il poeta è un grande artiere, che al mestiere fece i muscoli d’acciaio: Capo ha fier, collo robusto, nudo il busto, duro il braccio, e l’occhio gaio.

LEGGI ANCHE: 
Charles Dickens: i suoi 9 aforismi più belli.

Dino Buzzati: le 14 frasi più belle di uno scrittore geniale.

Libro Cuore: il racconto stilisticamente perfetto di Edmondo De Amicis.