Charles Dickens

Charles Dickens è stato un famoso romanziere britannico, nato il 7 febbraio 1812 a Portsmouth, in Inghilterra.

Molte delle sue opere sono diventate classici della letteratura e tra queste è impossibile non citare titoli rimasti immortali come Oliver Twist, A Christmas Carol, Nicholas Nickleby e David Copperfield (da cui sono stati tratti anche film e cartoni). Il 9 giugno 1870, quando aveva ancora tanto da dare, Dickens morì a causa di un ictus, lasciando ai posteri l’ultimo romanzo, The Mistery of Edwin Drood, rimasto purtroppo incompiuto.

Charles Dickens: i suoi aforismi

Tra i molti aforismi che Charles Dickens ci ha lasciato, sono senz’altro degni di memoria:

  1. Quando bevi dell’acqua, non dimenticare la sorgente da cui scaturisce;
  2. Ci vogliono 20 anni a una donna per fare del proprio figlio un uomo, e venti minuti a un’altra donna per farne un idiota;
  3. La comunicazione elettrica non sarà mai un sostituto del viso di qualcuno che con la propria anima incoraggia un’altra persona a essere onesta e coraggiosa;
  4. Non fare domande e non ti verranno dette bugie;
  5. Il vero amore è devozione cieca, è umiliarsi senza fare domande, è sottomettersi completamente, è avere fiducia e confidare a dispetto di te stesso e a dispetto del mondo intero, concedendo tutto il tuo cuore e tutta la tua anima al tuo tormentatore;
  6. C’è una saggezza della testa…e una saggezza del cuore;
  7. Nessuno è inutile in questo mondo se è capace di alleggerire i pesi di un altro uomo;
  8. Se la malattia e la tristezza sono contagiose, non c’è niente al mondo così irresistibilmente contagioso come il riso e il buonumore;
  9. L’allegria e la contentezza abbelliscono in gran misura, e sono dei famosi conservanti dello sguardo giovanile.

LEGGI ANCHE:
Dino Buzzati: le 14 frasi più belle di uno scrittore geniale.

Libro Cuore: il racconto stilisticamente perfetto di Edmondo De Amicis.