Opel Blitz, i 90 anni di un nome diventato marchio

Novant’anni fa, il furgone “Blitz” gettò le basi per una lunga serie di veicoli commerciali Opel di successo. Allo stesso tempo, il Opel Blitz è diventato il simbolo di fama mondiale che ancora oggi caratterizza il marchio. Mentre una volta i motori benzina a sei cilindri da 55 CV vibravano sotto il lungo cofano del veicolo commerciale, molto è cambiato da allora.

Gli attuali furgoni Opel vantano motori diesel ad iniezione diretta altamente efficienti con potenze fino a 180 CV, oltre a comfort, sicurezza e potere frenante al livello delle autovetture. Gli eroi di oggi sono conosciuti con i nomi di Combo, Vivaro e Movano.

L’ultimo Opel con la targhetta Blitz andò meritatamente in pensione nel 1987 (produzione terminata nel 1975). Alla fine della produzione del modello Opel Blitz, quasi mezzo milione di veicoli erano stati costruiti negli stabilimenti di Rüsselsheim, Brandeburgo e Luton. Allora come oggi, i veicoli commerciali Opel sono compagni efficienti, sicuri e durevoli per il trasporto di tutti i tipi di carichi.

Le origini di Opel Blitz

Il primo vero furgone Opel nel 1907

Le origini dei veicoli commerciali di Opel Blitz risalgono al 1899. I furgoni per la consegna e il trasporto venivano già stati costruiti nei primi tempi, sulla base della Patent Motor Car “System Lutzmann”, la prima automobile prodotta a Rüsselsheim. Nel 1907, il primo furgone vero e proprio è stato aggiunto alla gamma. Il veicolo da tre quarti di tonnellata aveva pneumatici gonfiati a pressione di serie ed era disponibile con un motore a due o quattro cilindri. Durante la prima guerra mondiale, furono introdotte dai militari delle norme che definivano il “furgone standard” fino a quattro tonnellate. I robusti “veicoli standard” Opel furono venduti fino ai primi anni Venti. Dal 1923 fu creata una nuova gamma di veicoli commerciali, composta da piccoli autocarri leggeri con un carico utile da una a due tonnellate.

Un’altra generazione di veicoli commerciali moderni era ai blocchi di partenza nel 1931. Gli ingegneri hanno fatto un ottimo lavoro in tempi economicamente difficili, presentando i nuovi “furgoni per il trasporto espresso” con un design eccellente. Per promuovere le vendite, il reparto pubblicitario Opel doveva creare un termine conciso che potesse essere pronunciato in tedesco e “in qualsiasi lingua moderna”. E doveva avere solo cinque lettere, questo era un must! I pubblicitari Opel scelsero un modo insolito, ma estremamente di alto profilo ed efficace per trovare un nome: il nome del nuovo prodotto è stato cercato in tutta la Germania attraverso un concorso.

Nasce il nome Blitz

Vinci una Opel! Siamo alla ricerca di un nome che vogliamo rendere famoso in tutto il mondo! Il nuovo furgone sta per intraprendere la sua carriera di successo in Germania e al di là dei suoi confini con un nome che lo identifichi come una marca tedesca e che sia anche un’espressione della sua qualità superiore”, scrisse il Dr. Wilhelm von Opel in un annuncio pubblicitario a tutta pagina su un quotidiano. Il gran premio era una berlina 4/20 cv, mentre quattro moto Opel Motoclub erano i premi dal secondo al quinto posto. La data di chiusura delle iscrizioni era il 6 ottobre 1930 e il Direttore Vendite Andersen annunciò il vincitore alla Opel Dealer Conference il 24 novembre 1930 al “Ufa-Palast” di Francoforte. “Blitz” fu scelto tra circa 1,5 milioni di proposte.

Un termine che era già stato usato per le biciclette Opel dal 1889 ed ora sarebbe diventato sinonimo dei veicoli commerciali Opel per i successivi sei decenni. Per il Dr. Wilhelm von Opel, era un nome “che simboleggia ugualmente l’origine, la potenza e le prestazioni del nostro nuovo prodotto”.

Un modello di Opel Blitz del 1934

Anche le prestazioni sono state un tema importante alla presentazione del nuovo Opel Blitz: due versioni con carico utile da 1,5 a 2 tonnellate, tre differenti passi e due motori incontrarono i desideri dei diversi clienti. La promessa di essere un vero e proprio “furgone espresso” è stata soddisfatta da un quattro cilindri da 2,6 litri e, nel caso del Opel Blitz “6”, da un motore “Marquette” da sei cilindri da 3,6 litri. Negli anni successivi, la gamma è stata costantemente raffinata con successo: la carriera dei nuovi furgoni Opel Blitz è stata così travolgente che cinque anni dopo il loro debutto, l’azienda costruì uno stabilimento appositamente per la produzione di veicoli commerciali.

Poiché la sede centrale di Rüsselsheim era operativa a pieno regime, Opel si espanse a Brandeburgo sulla Havel. Il 7 aprile 1935 si svolse la cerimonia di inaugurazione del nuovo stabilimento di produzione, con un’architettura industriale all’avanguardia, che copriva 850.000 metri quadrati ed era progettato esclusivamente per la produzione di autocarri. Fu il primo impianto Opel progettato esclusivamente per la produzione in linea di assemblaggio.

Nel 1937 aumenta la potenza del motore

Opel Blitz motore 3.6 (1936)

Nel luglio del 1937 il 25.000esimo furgone Opel Blitz per il trasporto espresso lasciò la catena di montaggio di Brandeburgo. Lo stesso anno, Opel aggiornò la sua gamma di motori con unità provenienti dalla produzione di autovetture. Il furgone da tre tonnellate fu dotato del moderno motore a sei cilindri da 3,6 litri della Opel Admiral, dotato di valvole in testa e di un albero a camme a ingranaggi. L’Opel Blitz sviluppava 75 CV, con una velocità massima di 90 km/h, risultando più veloce di molte autovetture. Il motore da 1,5 litri a quattro cilindri OHV (Over Head Valves – Valvole in testa) della Opel Olympia da 37 CV fu utilizzato per una vettura da una tonnellata che raggiungeva gli 80 km/h. Solido, affidabile e resistente, il Blitz aveva le proverbiali virtù Opel.

Nel 1945 la fine di Brandeburgo

Nel 1945, dieci anni dopo l’inaugurazione del nuovo stabilimento, la produzione di Opel Blitz a Brandeburgo si fermò. La struttura fu distrutta dopo pesanti raid aerei e gli impianti di produzione rimanenti furono smantellati e inviati in Unione Sovietica come indennità di guerra. Le linee Opel Kadett a Rüsselsheim subirono lo stesso destino. Mentre le linee di produzione di Opel Kadett furono poi ricostruite a Mosca come “Moskvich”, le strutture del Opel Blitz non furono più riassemblate.

Un Opel Blitz nel 1946

Lo stabilimento principale di Rüsselsheim iniziò la produzione con un camion. Il primo veicolo Opel del dopoguerra era un Blitz. “Lunedì 15 luglio 1946, si tenne una semplice cerimonia per inaugurare la ripresa della produzione in serie del camion per il trasporto veloce Opel Blitz da 1,5 tonnellate, sei cilindri e 2,5 litri, presso lo stabilimento di Adam Opel AG“, così fu diramata la notizia a quei tempi. Come atto simbolico della ripresa, il generale in comando della 3a armata americana, Geoffrey Keyes, tagliò un nastro giallo durante la cerimonia. Il camion con pianale ordinato da un uomo d’affari di Wiesbaden costava 6.600 marchi. Rispetto alla versione precedente, la massa complessiva (tara+portata) del veicolo era stato aumentato di 200 kg al totale di 3.400 kg e il carico utile (portata) era cresciuto a 1.725 kg. Sotto il suo caratteristico cofano, il motore a sei cilindri OHV montato nella Opel Kapitän aveva ora 55 CV. Ben 832 camion Blitz per il trasporto veloce furono prodotti fino alla fine del 1946 e quando la produzione fu interrotta nel dicembre 1951, il totale della produzione raggiunta era di 37.117 unità.

Il miracolo economico degli anni ’50

Opel Blitz nell’aprile del 1955

Grazie al suo nuovo design e al potenziamento della portata da 1,5 a 1,75 tonnellate l’Opel Blitz divenne popolare in tutta Europa. L’ampia griglia e gli eleganti paraurti furono abilmente adattati dal tipico design americano degli anni ’50, mentre l’abitacolo era fatto di acciaio. Il silenzioso motore sei cilindri da 2,5 litri si distingueva dai motori tipicamente grezzi del mercato dei camion. L’aumento della capacità di carico aveva reso il modello del 1955 particolarmente speciale: con un carico utile di due tonnellate, l’Opel Blitz poteva trasportare più di quanto pesasse. I progettisti avevano elaborato allestimenti per autobus, furgoni per traslochi, consegne e autopompe per i vigili del fuoco, sulla base delle piattaforme lunghe 3.300 o 3.750 mm. Ogni anno circa 20.000 unità del cosiddetto “Rundschnautzer” (naso tondo) uscivano dallo stabilimento. Nel 1960, al momento del cambio di modello, la produzione aveva totalizzato 89.767 veicoli.

Un aspetto più moderno per Opel Blitz

La generazione Blitz per gli eccitanti anni Sessanta presentava un nuovo motore a sei cilindri da 2,6 litri e un cofano più corto e inclinato verso il basso. Gli appassionati descrivevano il design della nuova versione del furgone come sottilmente elegante e particolarmente espressivo. Con lo stabilimento di Rüsselsheim a pieno regime, la cabina e la struttura di carico venivano prodotte esternamente dalla carrozzieria Voll.

Un più “moderno” Opel Blitz del 1965

L’Opel Blitz apparve alla IAA del 1965 con un restyling completo: l’abitacolo mostrava un frontale più espressivo con un’enfasi più marcata delle linee orizzontali. Il nuovo design era accompagnato anche dalla motorizzazione a quattro cilindri da 70 CV. Questo motore a benzina da 1,9 litri era dotato di un albero a camme in testa azionato da catena e proveniva da una nuova generazione che aveva debuttato nel 1965 con Opel Rekord B. Nel 1966, le varianti da 2,1 e 2,4 tonnellate ottennero un nuovo motore a sei cilindri in linea che alimentava l’Opel Blitz a una velocità massima di 110 km/h. Alla fine degli anni Sessanta, l’Opel Blitz era ancora uno degli autocarri leggeri più apprezzati sul mercato tedesco; quasi un camion a benzina su due fino a tre tonnellate di peso totale a terra (PTT) era un Opel. L’azienda aveva compiuto un altro passo importante nel 1969, aggiungendo un diesel alla gamma a benzina: Opel produsse 47.368 veicoli commerciali a benzina e 7.374 diesel tra il 1965 e il 1975.

Opel Bedford Blitz allo IAA del 1973

La produzione del veicolo commerciale Opel Blitz in Germania terminò il 10 gennaio 1975. Dopo 417.211 unità costruite a Rüsselsheim e a Brandeburgo, il modello che diede il nome all’emblema Opel fu ritirato dalla gamma. Il nome stesso, tuttavia, rimase; un furgone compatto e pulito era entrato a far parte della gamma dei veicoli commerciali Opel solo due anni prima, nel marzo 1973, l’Opel Bedford Blitz.