Lincoln Continental

Avete visto la Lincoln Continental svelata a Detroit? Prima vi raccontiamo una storia. Franklin Delano Roosevelt, Dwight Eisenhower, John Kennedy, Richard Nixon, Ronald Reagan. Cosa hanno in comune questi uomini, oltre al fatto di essere stati presidenti degli Stati Uniti? Non stiamo parlando delle loro vicende politiche, nemmeno della loro vita privata. Un filo conduttore che li lega è costituito dall’automobile, cioè la vettura presidenziale, l’auto ufficiale del capo di Stato americano. Loro, insieme a diversi altri, hanno viaggiato prevalentemente a bordo di una Lincoln, quasi sempre una Continental.

Lincoln Continental: ora non più solo un ricordo

Lincoln Continental era un modello che non si vedeva più dai primi anni 2000. Ora quest’auto è tornata, mostrata al Salone di Detroit 2016. Lincoln è uno storico marchio di lusso della Ford, fondato nel 1917 da Henry Leland; entrò nell’orbita della Ford fin dal 1922. La Continental è la sua ammiraglia, una grande berlina, spesso in versione limousine, prodotta fin dal 1939. Le sue doti di lusso e alta rappresentanza l’hanno resa appunto una perfetta auto per il prestigioso inquilino della Casa Bianca, in alternanza quasi sempre con le Cadillac. (visita il sito ufficiale Lincoln)

Tuttavia la Continental di oggi è molto diversa. Moderna, sempre molto lussuosa ma poco appariscente, quasi discreta. Quel tipo di eleganza per chi sa di essere veramente importante e non ha bisogno di sbandierarlo ai quattro venti. Il marketing Lincoln lo definisce “lusso tranquillo”. Inoltre la Continental non è più un modello esclusivo per gli americani; infatti verrà venduta anche in Cina. Tutto nella nuova Continental è improntato alla gentilezza. Perfino le maniglie delle portiere: un invisibile pulsante all’interno della maniglia apre la porta, la quale poi si richiuderà automaticamente con un sussurro. Un’altra finezza è data dall’accensione sommessa di una sequenza di Led mentre il proprietario con la chiave in tasca si avvicina all’auto.

Una rapida occhiata al design esterno conferma che questa è un’ammiraglia fatta non per stupire ma per viaggiare in armonia. Grande griglia centrale “istituzionale” ma non aggressiva, linee abbastanza squadrate ma non cattive, coda corta e dinamica ma senza velleità sportive (per quanto la potenza non manchi, tutt’altro). Se le persone nell’abitacolo vogliono godersi la vista sopra di sé senza esporsi agli elementi, il tetto panoramico è perfetto. Non si tratta di un tetto qualsiasi, come quelli che ormai equipaggiano anche le utilitarie. Il pannello interno di copertura scorre fino alla zona posteriore.

Lincoln Continental: gli interni

Gli interni ovviamente presentano un lusso sopraffino con pelli della migliore qualità, vero legno per i rivestimenti di plancia e portiere e vero alluminio per gli elementi cromati. I sedili sono configurabili in 30 posizioni; sono disegnati in modo da adeguarsi alla sagoma e al peso del corpo della persona che vi si siede. Va da sè che includono le funzioni di massaggio, riscaldamento, raffreddamento e ci sono anche supporti per le cosce. L’impianto audio Revel non necessita di presentazioni.

Lincoln Continental: dotazioni tecnologiche

E’ altrettanto ovvio aggiungere che le dotazioni tecnologiche su sicurezza e assistenza sono di quanto più completo possa esistere; non scopriamo certo oggi quanto Ford sia all’avanguardia in queste cose. La Continental si guida anche, non necessariamente con l’autista. Ma sempre col comfort in primo piano. Troviamo tutta la potenza che serve nei 400 cavalli del motore 3.0 V6 biturbo. La trazione integrale è molto ben assistita dall’elettronica, che si occupa di assicurare in qualsiasi situazione una perfetta guidabilità, senza stress. Aggiungiamo una funzionalità sofisticata per aiutare il parcheggio tipica delle berline di alto livello come questa: le varie telecamere montate nella griglia del radiatore, al centro del parabrezza e sugli specchietti riprendono immagini che vengono montate insieme sul display centrale per fornire una precisa visione dall’alto che permette al guidatore di controllare gli ingombri in tutti i lati della macchina. Perfezione.

LEGGI ANCHE: BMW M2: scopri le sue incredibili prestazioni.

[Photo by Stylology.it]