Lamborghini Aventador S Roadster
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on Pinterest

Prendete nota di questa cifra: 313.666. Non è il numero telefonico di Stefano Domenicali. E’ invece il prezzo consigliato, tasse escluse, della Lamborghini Aventador S Roadster. Qualcosa ci dice che non potete permettervi quest’auto fantastica. Nemmeno noi. Allora non ci resta che ammirarla al Salone di Francoforte 2017, il suo esordio di fronte al pubblico.

Lamborghini Aventador S Roadster

L’emblema della roadster Made in Sant’Agata. E’ la gemella senza copricapo della Aventador S Coupé, molto semplice. Dirlo. Farlo, un po’ meno. Come si ricava una spider dalla sua versione coperta? Non basta certo tagliare il tetto, altrimenti alla prima curva o al primo dosso la parte anteriore della scocca andrebbe da una parte, la posteriore dall’altra e la zona centrale da un’altra ancora.

E’ quello che accadrebbe se si violasse il principio dell’integrità strutturale. Se anche l’auto non andasse in mille pezzi, curverebbe come un antico galeone sballottato sull’oceano durante una tempesta. Perché verrebbe compromessa la rigidità torsionale della struttura. Problemi che si aggravano all’aumentare della velocità, perché in proporzione aumenta l’intensità di tutte le forze che agiscono sul veicolo.

Un’auto da sogno

Quindi costruire una spider (o una cabrio, il discorso è lo stesso) non è certo semplice. Ecco perché costano di più. Si devono applicare consistenti rinforzi al telaio, ai montanti e in altri punti strategici della scocca; in particolare, vanno applicate robuste protezioni in caso di ribaltamento. E questo è il motivo per cui le scoperte pesano anche di più, nonostante manchi loro un pezzo.

Ma in una supercar il peso è un nemico. Allora si devono usare materiali allo stesso tempo resistenti e leggeri. I quali sono ovviamente molto costosi. Ecco perché le supercar scoperte hanno prezzi ancora più da panico delle sorelle col tetto.

Nuovo livello del lusso

Per descrivere la Lamborghini Aventador S Roadster le parole del già citato Domenicali (amministratore delegato di Lamborghini) calzano a pennello: “L’Aventador S Roadster offre tutto il brivido di una guida open-air senza scendere a compromessi sul fronte della dinamica di guida o del comfort di bordo, aggiungendo un nuovo livello di lusso grazie alle opzioni di personalizzazione disponibili”.

Traduzione: va fortissimo come la coupé, potete godervi l’aria aperta, state comodi come un pascià e ve la potete cucire addosso su misura. Tanto se potete spendere 313K€ per un’auto (tasse escluse), potete spenderne anche 400 o più (sempre tasse escluse).

Il design

Il design di questa Aventador deve naturalmente rispondere a precise esigenze aerodinamiche. Le differenze sono tutte al posteriore. Intanto il tetto rigido, composto da due pannelli in fibra di carbonio di vari colori, si aggancia a due pinne che arrivano al cofano motore. Il lunotto si può ripiegare elettricamente per godersi meglio l’ululato del V12 6.5.

Il retrotreno ha linee che si differenziano in modo abbastanza netto da quelle della coupé. Gli interni sono veramente personalizzabili come si vuole, si possono scegliere numerose combinazioni di colori dei rivestimenti in Alcantara e pelle. Volendo, c’è anche uno speciale tessuto ad alta tecnologia ideato da Lamborghini, ancora più leggero dell’Alcantara.

Ma la Lamborghini Aventador S Roadster è soprattutto una macchina da guerra, in senso buono. Anche se non partecipa alle competizioni, è nata per correre. A modo suo: trazione integrale permanente, asse posteriore sterzante, elettronica sopraffina per avere sempre il massimo controllo in ogni situazione, perché va bene essere bravi ed esperti piloti, ma oggi non si possono più costruire supercar guidabili solo da Vettel, Hamilton o giù di lì.

Perché dietro le spalle del danaroso proprietario si muovono velocissimi su e giù 12 imbestialiti pistoni, i quali tutti insieme suonano un concerto da 740 decibel, pardon, cavalli. Che spingono questo toro selvaggio da 0 a 100 in 3 secondi netti e possono farlo correre fino a 350 Km/h. Prestazioni identiche a quelle della coupé, con soli 50 Kg in più. Un lavoro ingegneristico straordinario. Su, tirate fuori il portafoglio. (qui le info sul sito ufficiale)

[Photo by Lamborghini Press]